.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


12 maggio 2010

SERVIZI PUBBLICI…?!?

 

L’unico vero servizio pubblico che mi viene in mente è un vecchio vespasiano in metallo verniciato in verdone vespasiano1.jpgche vedevo sul lungotevere a Roma, cent’anni fa (andavo al liceo), quando passavo da quelle parti a bordo del mitico “13” il tram con le panchine di legno e la classica scampanellata per chiedere strada. Chissà se esistono ancora…

Questo ricordo nasce dal fatto che sta venendo alla luce, in modo documentato, come il cosiddetto  “servizio pubblico”, finanziato con il danaro di chi paga le tasse (… pochi...), sia  stato o lottizzato tra sanguisughe e jene, o, se non appetibile, lasciato morire affogato nei debiti (mi riferisco all’istruzione tanto per…).

Qualcuno si è mai posto la domanda sul motivo per cui le scuole private abbondano di licei e di istituti tecnici commerciali e per geometri, mentre son rari gli istituti tecnici per meccanici, elettrotecnici, chimici ecc..? lab.chim2.jpgSemplice! Questi ultimi necessitano di laboratori con macchine e strutture costose, e i chimici anche con materiale (vetreria) che si rompe facilmente nelle mani dei ragazzi e con un reagentario piuttosto dispendioso, mentre i licei ecc. possono “far finta” di avere i laboratori, specie se vengono ridotte le ore a questi dedicate sostituendole con stages.

Quindi le rogne allo Stato e i guadagni al privato!

Sentir dire poi che la rai, “…pagata con danaro pubblico si diverte ad aggredire il governo…” mi fa ridere!... Ma se ormai non seguo più alcun Tg  (Rai3 esclusa, ma non troppo) perché non credo più a quel che dicono tanto son proni ai desiderata del potere!

Una sera, con mia figlia, mi son ritrovata a seguire sulla tv svizzera (una delle poche ancora “in chiaro”) una trasmissione in cui confrontavano la facilità d’uso dei pelapatate in pelapatate2.jpgcommercio. Era l’unico programma decente in un panorama fitto di show talmente idioti e scollacciati da sfiorare l’aberrazione e di film visti e rivisti al punto da conoscerne le battute!

A proposito di decenza…

Non mi spiego perché debbano continuare con lo stereotipo della donna menomata intellettualmente e dell’uomo colto ma fisicamente inguardabile… Ok, con l’isola dei famosi ed il grande fratello abbiamo avuto svariati esempi di “anelli mancanti” in entrambi i sessi, ma ho la netta impressione che ci sia una deriva verso la ricacciata delle donne attorno al focolare, con la profusione di immagini di femminilità esagerata offerta come merce, e della cultura, specialmente per la donna, La-Pupa-e-il-secchione-2010.JPGindicata come inutile.

E tutto scorre verso questo fine… Salvo poi quando i giovani, appresa questa lezione, bruciano la loro gioventù nel miraggio della notorietà, o semplicemente della “normalità percepita”, allora gridare allo scandalo.

NO! Questo non è uno scandalo, ma il risultato di come la società della svendita della morale educhi.

Invece…

Scandalo è che depravazione, corruzione, collusione, arroganza siano strumenti di potere e di controllo.

Alien_08.jpgScandalo è l’essere guardato come un marziano se rifiuti di essere “raccomandato” e pretendi di trovare lavoro solo grazie a quello che sei e che vali.

Scandalo è che un ministro (ora ex) dichiari di “non sapere chi lo abbia favorito” o, meglio ancora, di non sapere di aver ricevuto un favore (anche perché questo vorrebbe dire che o è pirla o è talmente tronfio da immaginare che tutto gli sia dovuto solo per…).

Scandalo è che i soldi delle tasse vadano sprecati per costruire un gazebo per “la casta” sulla terrazza della Presidenza del Consiglio a piazza Colonna a Roma, e che un nido per l’infanzia nello stesso palazzo ospiti al massimo tre o quattro bimbi degli addetti ai lavori (magari “a gratis”), mentre decine di altri sono in lista di attesa, per mancanza di posti, in quelli comunali o statali.

Scandalo è che un ministro sandrobondi1.jpgsostenga che un film satirico offende l’immagine dell’Italia, trascurando il fatto che son ben altri gli artefici del degrado della “nostra” credibilità, a partire da tutti coloro che hanno accettato le regalie in cambio di favori.

Scandalo sono i vari decreti sulle inercettazioni che tendono solo ad imbavagliare ogni forma di critica compresa quella sui blog.

Scandalo è che il ministro della P.I. parli per frasi imparate a memoria senza capire le conseguenze delle scelte effettuate per lei da altri… e poi si disquisisce del come possa succedere che una maestra ci rimetta la milza per il calcio di un bambino di dieci anni, e si plaude alla scelta del maestro unico.

Non ci si può fidare più neppure della chiesa i cui intrallazzi, che risalgono ai tempi del potere temporale e mai son cessati, continuano a venire a galla, mostrando la trama di connessioni tra chi comanda al di qua e al di là dal Tevere. E, per colmo di misura, coprono il danno di quelli che tra di loro non rispettano neppure i dettami del loro credo (dal Vangelo (Mc. 9, 37-47) "Chi scandalizza uno di questi piccoli che credono, è meglio per lui che gli si metta una macina da asino al collo e venga gettato in mare.". (link))

Non ho più parole…

temporale4.jpgA questo punto penso che solo un temporale possa pulire l’aria da tutte queste polveri che soffocano. Là, sulle montagne, i lampi già illuminano le cime innevate ed il brontolio dei tuoni raggiunge sordo la pianura…. Speriamo che non grandini sui germogli o non ci potrà essere raccolto in futuro.



sfoglia     aprile        giugno
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom