.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


6 maggio 2012

QUALE GENEROSITÀ !!

IMG_5420.JPGE’ comico, anzi no è drammatico.

All’emergere dei copiosi rivoli  da cui il danaro pubblico viene incanalato nelle capaci tasche dei vari voraci “appartenenti”, siano essi leader o parenti o amici fidati, si assiste alla recita di uno stesso copione, quasi un “copia – incolla” del medesimo file.

·                  Primo : Affidarsi a Santa Negazione

·          Secondo : Rafforzare il concetto con il ben collaudato “a mia insaputa”

·                  Terzo :  Cospargere di cenere il capo con il lacrimante “io mi fidavo”

·                  Quarto :  Un genuflesso “sono stato ingannato e mi dispiace”

·                   Quinto (dopo lo sputtanamento totale ed evidente) : Restituiamo le briciole che son rimaste sulla tovaglia.

Fatti emersi in questi ultimi tempi hanno dimostrato, al di là di ogni ragionevole dubbio, escludendo il risvolto penale, che la morale per molta gente è come l’elastico delle mutande, che a causa dell’uso continuato al limite massimo dell’estensione diventa una fettuccia inutile.

L’unico fine della loro ignobile esistenza diventa l’arraffare di tutto e di più.

A questo scopo viene montata la “manfrina” ad uso e consumo degli sprovveduti.

Rutelli: ‘Nostri soldi agli esodati’.. “Oggi iniziamo a dare i soldi in avanzo di bilancio della Margherita agli esodati  …. 5 milioni di Euro

I soldi in avanzo di bilancio… Ma che generosità! 

E votare la rinuncia alla ultima tranche del cosiddetto “rimborso”?

E rimborsare quello che è stato “rapinato a vostra insaputa” con i vostri stipendi e beni perché son soldi anche miei, e che ora tocca a me riempire il buco fatto da voi?politici,crisi,soldi,morale,bossi,grillo,onestà,finanziamenti pubblici

Quell’altro della padania poi…

Un bugiardo patologico con un innegabile ascendente da imbonitore di fiera paesana, affiancato da un paio di becere matrone con il problema della sistemazione della “famiglia” e del titolo accademico, che usa il partito in modo autocratico a sua immagine e somiglianza, e osa senza vergogna alcuna dichiarare che “…quel denaro è nostro. Un partito può buttare i soldi dalla finestra”, (che se l’avesse fatto veramente almeno avrebbe fatto felici i passanti!).

Ecchèglienefrega a quello!

Mentre gridava “ladroni!” si metteva, e continua a mettersi, in tasca fior di quattrini, assieme ad un pesce in barile geneticamente copia del genitore,  spudoratamente convinto della sua onnipotenza, confermata dal supporto di chi lo attornia per partecipare al banchetto sia alla tavola del sire che ai suoi piedi per raccogliere le briciole.

Ormai i “cinque punti” son stati più volte percorsi e quello che mi stupisce è la profonda convinzione con cui ogni atto vien ripetuto.

politici,crisi,soldi,morale,bossi,grillo,onestà,finanziamenti pubblici

Ma negli ultimi tempi c’è il vezzo, da parte delle istituzioni, di rimbrottare non costoro, ma chi stigmatizza questi comportamenti, usando magari parole non totalmente corrette, ma sicuramente oneste.


Esempio ne sia Grillo ed il suo “parlar da comico”.

Per Beppe Grillo “la politica strangola, Cosa nostra no”. Scudi alzati e apriti cielo!

E’ innegabile che la mafia sia un’associazione a delinquere e non sia degna di uno Stato civile, ma uno Stato civile provvede ai bisogni dei suoi cittadini e non solo ai desideri di una casta, usa il danaro delle sue tasse per i servizi pubblici e non per i “finanziamenti mascherati da rimborsi”, protegge ed incentiva istruzione e ricerca pubblica e non privata, e in caso di necessità taglia i fondi a chi ha di più e non a chi ha meno.

Uno stato civile non permette la disperazione della gente.. ("Vedove della Crisi "  un video che fa molto male al cuore nella sua profonda verità). Questo stato invece lo sta facendo.

Uno stato civile non uccide. Questo stato invece lo sta facendo.

Strangola a morte i deboli per garantire la ricchezza ad una schiera di corrotti.

"Chi non ha fatto una vacanza in barca?"  politici,crisi,soldi,morale,bossi,grillo,onestà,finanziamenti pubblici

Non è una gaffe, ma il modo di pensare che ha distrutto la nazione.




5 agosto 2010

COSA C’E’ DENTRO AL CRANIO?…

 

La domanda posta ha una ragione che esula dall’interrogativo “Cos’è l’Intelligenza?” che Monkey2.jpgspesso mi sono posta. Il dubbio ora è più profondo. 

Si sprecano le volte che per semplice battuta ho sostenuto che nella “crapa” di qualcuno c’erano solo tre neuroni: uno per il sistema respiratorio, uno per quello cardiaco ed il terzo per quello idraulico.

Invece questa volta ho la necessità di capire come l’evoluzione della società porti alla modificazione della capacità d’attenzione e d’interesse per i fatti, con la conseguente banalizzazione degli stessi.

Tutto nasce dalla pubblicazione su Facebook di un link : “Afghanistan, la guerra delle donne Fuggono per andare a scuola “, con l’indicazione “ Da Leggere Fino In Fondo, Per Favore...”

Unico commento è stato quello di un mio ex allievo che ha scritto: ” Troppo lungo..”.

burka2.jpgEd io che volevo con questo scritto  trasmettere due messaggi, uno sulla condizione femminile allo stato peggiore di quanto pensabile, l’altro sull’importanza che la conoscenza ha nel progresso umano, percepita da chi è privo anche della libertà di essere, come riscatto alla propria individualità.

Ma la capacità odierna di attenzione non sopporta lettura più lunga del classico messaggio.

ivanhoe2.jpgForse viene anche a mancare l’idoneità a comprendere un discorso complesso. (Anni orsono qualcuno mi disse che Ivanhoe (romanzo storico di Sir Walter Scott) è un libro “difficile”!).

Il problema è che è proprio questa la gente che non è in grado di comprendere di essere strumentalizzata da chi senza scrupoli li usa per suo tornaconto.

E’ questa la gente che finisce per applaudire certe sbruffonate del tipo:

  «Vogliono bloccare il federalismo, la Padania esploderà. Stato delinquente»  <<…Le nostre famiglie sono schiavizzate da uno Stato delinquente che ha pensato a portare via risorse… Attenti alla gente del nord, attenti a non rompergli troppo i coglioni più di tanto...>> dette da Bossi alla festa della Lega Nord di Arcene (Bergamo).somaro!.jpg

Detto, guarda caso, da chi è ministro dello Stato Delinquente!... è un vero delitto di stato!

E poi deborda con il  <<…venti milioni di italiani pronti a seguire la Lega.  >>.

Ventimilioni? Ma questa è ignoranza o megalomania.

Gli italiani sono 60.045.068 (dati  istat.it  2009).

Di questi 10.198.955 sono minorenni e 8.180.311sono ultrasettantenni.

Allora vorrebbe dire che su 41.665.802 cittadini poco meno della metà, donne comprese, son pronti “alle armi”?

La conosco bene questa gente che applaude.

Arcene è ad un tiro di schioppo da dove abito.

E’ brava gente. E’ un popolo geneticamente modificato da un passato di “fame e povertà”. E’ Edu31.jpgil popolo dell’albero degli zoccoli. Nelle cascine si toglieva solo un litro di latte da quello munto per famiglie di sei o otto persone per poter vendere il resto. E si mangiava polenta e latte con il cucchiaio bucato.

Ma allora la povertà era forzatamente anche culturale, perché le braccia servivano nella campagna.

Oggi non è più così. L’industrializzazione ha portato ricchezza. Ma la cultura rimane secondaria per la maggior parte.

E allora se c’è la crisi e qualcuno grida “colpa di Roma ladrona” rispondono “E’ vero!”

E se qualcuno dice che sono i “terù e i nègher” che rubano il lavoro, alzano i pugni al cielo e dicono : “è vero”.

Ma chi è che fa parte del governo “delinquente” nella “Roma ladrona” e giustifica la sua rapacità con il vessillo di un federalismo che gli garantisca maggior potere in loco?

E questa brava gente ci casca come una pera matura.

E viene ripagata con le nuove imposte comunali che colpiranno certo chi, magari per dare unEmpty_Pockets.jpg tetto in futuro ai propri figli, ha comperato una seconda casa, e chi guadagna quindicimila euro al mese o più non paga nulla sulla prima casa (era meglio la normativa precedente con il rimborso dell’Ici sulla prima casa in base al reddito con la dichiarazione annuale). Tanto per non mettere le mani in tasca agli italiani..

E chi ha miliardi di euro investiti in borsa, quello non è toccato!

Siamo alle solite… il ladro di mele in prigione e l’arricchito dal falso in bilancio depenalizzato, il corrotto che danneggia più della pestilenza, il colluso condannato ma prescritto… fuori a far altri danni!

E la donna ricacciata nel suo ruolo di fattrice e schiava viene costretta ad abbassare la testa, pena la morte. 

E la donna viene offesa nella sua dignità  da una società che,  con un ritorno al maschilismo puro pre sessantottino, ha come esempio  un satiro alla direzione del governo e molti sciocchi che lo affiancano e lo assecondano per puro interesse.

Ecco cosa c’è dentro al cranio di questa gente…

Immagine.JPG

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo lega bossi donne uomini

permalink | inviato da AnnaSerenity il 5/8/2010 alle 18:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



16 agosto 2009

“..ALABARDA SPAZIALE !.. “

 gold3.jpg“ Alabarda Spaziale Contro le forze del male!!!”
Indimenticabile esclamazione del mitico Goldrake nel cartoon “UFO robot”..
Ora mi trovo un Goldrake nazionale, certamente meno imponente dell’altro, ma non meno “colorato”, che “lotta contro le forze del male” (“Berlusconi: ..«Pronto un progetto a lungo termine contro le forze del male».” ) incarnate in chiunque non sia dalla sua parte, nella sua guerra privata per la difesa degli interessi suoi e degli “amici”.
In più di trent’anni che son passati son certo cambiate le armi.. ed anche gli antagonisti.
Lui è talmente impegolato con l’avversario che dovrà scegliere bene la strategia per non morire con esso. Sicuramente continuerà a ricorrere alla solita magia del “chiudete gli occhi e pensate che tutto vada bene” che ammalia gli italioti. E beatamente contornato da figure servili che si cibano degli avanzi che vengono loro lanciati, ed in cambio dei quali dicono sempre “si, si”, continuerà a credere di essere “l’Idolo” per antonomasia.
Porca Vacca! Intanto per pararsi il lato b sta begando per far fare le carceri private. Così se tutto andasse male nel futuro, visto che certo nella costruzione e gestione delle struttura ci infilerà “ zii e cugini”, una bella “Casa Circondariale Certosa on the sea” potrebbe salvargli la pensione.
Certo che… tra il Goldrake nazionale ed il Sènatùr siam messi di lusso!
I soliti ignoti “tanto per no restar à sèco de casàde” (tanto per non restare privi di scemenze) per mezza bocca di “Lui” continuano con la storia dei dialetti da insegnare a scuola tramite le canzoni popolari come “gli ha suggerito la moglie maestra elementare”. Sinceramente vorrei sentire come parla il varesotto la signora Manuela, agrigentina doc.Bossi medio.jpg
Poi con quali canzoni?
Con NOTER DE BERGHEM (video) (testo con traduzione), ma è solo strettamente territoriale. Meglio con la “ Bernardona” , quella che dice (e non ci penso neppure a tradurla!)
O siate benedetta, Bernardona,
alza li gambi e mostrami Verona,
mostrami Verona affatto affatto
ch'io ti farò veder Bernardo matto;
Bernardo matto ch'i' ho l'è 'na brutta bestia
che in tutti i büs al gh' völ mettar la testa.
Non digo minga i büs dalli murai,
ma digo quelli ch'è sota li patài.
Così uniamo l’utile con il dilettevole, dialetto ed educazione sessuale! Ed il “celodurismo” può trovar così culla nello stesso sistema educativo.
Eppure ci son ben altri orizzonti da guardare.
Quello della guerra, per esempio. Perché siamo in guerra, non in “missione di pace” come dicono. Basta leggere : “La pericolosa onestà dei ministri italiani” , “Attacco al cuore della Kabul occupata” , “Afghanistan: più truppe straniere, più mine, più morti civili. Parola di esercito Usa(video)”.
Ma è meglio distrarsi con puttanopoli e dintorni.
ishr-burka.jpgAnche se poi, a proposito di come vengon trattate e si fanno trattare le donne, ci si ritrova a pensare di come non sia ancora maturata nel mondo la consapevolezza della pari dignità tra i sessi. Il potere è saldamente nelle mani degli uomini, sia quello laico che quello religioso. Il medioevo non è ancora finito, e gli uomini sfogano sulle donne i loro peggiori istinti :Afghanistan, in vigore legge che calpesta i diritti delle donne”.
E se non c’è credo c’è la convinzione dello scambio di favori. E se non c’è neppure questo allora c’è l’assurda pretesa del “possesso” per amore.
Dio Santissimo! Io sono donna e sono un essere pensante che la natura ha fatto capace di intendere e volere, di scegliere quello che è meglio sia per me che per la sopravvivenza della prole. Ma questo è proprio questo che fa paura.




26 ottobre 2008

“ Tour operator” ?!? Olèe !!!

 << ROMA (26 ottobre) - Per il ministro delle Riforme Umberto Bossi ci vorrebbero delle graduatorie regionali per gli insegnanti, da sostituire a quelle nazionali per evitare che i prof si spostino in continuazione «come in un tour operator». Durante un comizio che ha tenuto a Sotto il Monte…>>1946524832.jpg

Questa la trovo decisamente esilarante! Se non ricordo  male quando si iniziava a parlare di tagli sulla scuola si disse che i  docenti in esubero avrebbero potuto essere impiegati nel settore turistico… Che sia stato un “ lapis froidiano” (Lapsus freudiano)?

Mioddio, il discorso delle graduatorie regionali ha un senso se ci si riferisce alle supplenze brevi durante l’anno scolastico, perché è più facile “trovare” chi accetti 15 giorni di lavoro precario magari a 50 Km da casa che a 800, è invece cosa diversa se la supplenza dura più di 30 giorni. Ma con questi chiari di luna è un problema assolutamente inutile da porsi, visto che nelle scuole non ci son fondi per pagare i supplenti. Allora “L’è tant per dir..” !

Poi parlando dell’opportunità della riforma ha detto..«.. Senza contare poi che c'è il problema che al Sud è più facile 322297016.jpgavere voti alti che favoriscono nei concorsi. Io mi auguro che la Gelmini stia in forza e continui sulla sua strada», dimenticando , il tapino, che la suddetta ha sostenuto l'esame di Stato per la professione di avvocato presso la Corte d'Appello di Reggio Calabria nel 2002, dopo aver svolto il primo anno di praticantato a Brescia e il secondo nella stessa città di Reggio Calabria, o forse lo dice in conferma che..?

Aggiunge poi.. «Sembra davvero un nuovo '68 . Io lo sapevo che se si cerca di modificare la scuola la sinistra si scatena, non ha più gli operai e adesso usa come motore gli studenti».

Già, non ci sono più gli operai, perché son tutti “a spasso” visto che l’attuale situazione delle banche ha messo tanti 219618926.jpgpiccoli imprenditori con crediti provati in crisi di liquidità, pertanto in condizione di lasciare a casa la manodopera, iniziando da quella precaria e, purtroppo, spesso finendo anche con quella a tempo indeterminato. Il dorato mondo della finanza se ne frega, tanto scarica ora ed ha scaricato in passato ogni perdita sulle fasce deboli con incredibile disumanità.

Chissà perché si sente dire che mentre i consumi legati ai generi di prima necessità continuano a contrarsi, quelli dei prodotti d’elite sono in crescita. Sicuramente il “Mario Rossi” nazionale, operaio con il mutuo, non si mette in coda per comperare la Ferrari , né investe in arte o gioielli. Anzi non ha neppure il fiato per gridare la sua rabbia!

Nel ’68 ero all’Università, ed ho vissuto il cambiamento in prima persona, quindi posso ben testimoniare che sono due  situazioni assolutamente diverse.

Allora  c’era in ballo una trasformazione sociale, i giovani chiedevano una “modernizzazione”, un adeguamento della struttura che favorisse la diffusione della cultura.

Oggi lottano per non morire strangolati da un taglio dei fondi statali, e dalla “privatizzazione” degli atenei che porterebbe ad un aumento vertiginoso delle tasse universitarie,  che si rischia diventino  come in America rendendo la laurea un privilegio.  Naturalmente il peggio sarebbe per le facoltà scientifiche, quelle che devono offrire laboratori adeguati, nei quali si fa spesso quella ricerca di base che poi sviluppata porta alle “scoperte del secolo”.432072576.jpg

 Una vita fa  ho costruito apparecchiature di distillazione usando perfino i secchi di latta come “bagnomaria”, per la scarsità di risorse, ma quante cose ho imparato a fare!  

Oggi vogliono rubare anche i secchi, e con questi l’allegria dei giovani che già stanno guardando al loro futuro nella prospettiva di emigrare, come sta succedendo a mia figlia ed a molti dei suoi colleghi.

E nel frattempo sui giornali ci triturano gli zebedei con la “guerra di cifre” sui partecipanti alla manifestazione del Circo Massimo. Come fosse importante un numero! Erano tanti, punto. Erano quelli che erano, punto.

Il Circo Massimo.. ci correvano le bighe, ora ci fanno correre le beghe, quelle piccinerie che non hanno nulla a che spartire con la vita di troppa gente, quella stessa gente che dicono li abbia “legittimati” a far ciò che fanno.

Mentono sapendo di mentire! Nessuno di noi “popolo cencioso e cane” ha messo una crocetta sul nome del “suo” rappresentante, ma si è dovuta accontentare di scommettere su di un gruppo di partiti, sperando che alle parole seguissero i fatti, mentre son seguiti solo spot mediatici, dietro ai quali è nascosto il più becero abuso, quello delle leggi ad personam e del taglio al sociale.



sfoglia     aprile        giugno
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom