.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


30 dicembre 2009

AL PEGGIO NON C’È MAI FINE…

 

Certo che al peggio non c’è mai fine.

Una dopo l’altra le notizie che “rallegrano il cuore” raggiungono il lettore per illuminare la giornata.

Mamma mia che felicità!  

Tra qualche settimana le strade saranno abbellite da manifesti elettorali, grandi e colorati. Manifesti col volto ferito dopo l'aggressione in piazza Duomo diventeranno monito per coloro che si ostinano a rifiutare il dialogo e il confronto."

Che stile! Che gusto! Che sottile psicologia da manuale.

E' la nuova visione del partito divenuto quello “dell'Amore” cristianamente inteso (?!?), che mette premier e Papa sulla stessa lunghezza d'onda, e trasforma l'opposizione nel “partito dell'Odio”.

Ma non basta. Son pronte altre 8 canzoni scritte in collaborazione con Apicella e l'amore ne è il filo conduttore. Non sto nella pelle!

Anche il noto “ex don ” Gelmini ( autoridotto allo stato laico per vicende giudiziarie non certo edificanti) si prostra letteralmente di fronte a tanta “grandeur” con dei lacrimosi e accorati “Non mollare” (l’osso ?).

In chimica è noto che “il simile scioglie il simile”.

Peggio di ciò solo la scena aberrante vista, come al solito in zapping, al “grande frittello”, di un ragazzo sciolto in lacrime da crisi isterica che diceva “..Ti prego, no, dio ti prego no,.. “ conclusa con uno strilletto ed un salto tra le braccia di un uomo con avvinghia mento carpiato e piovresco-tremolante abbraccio.

Boh! Ma ci sarà chi si diverte a guardare tali scemenze? Io quelli li userei per ricostruire gli argini franati con badili e vanghe. Je passerebbero le rogne!

Purtroppo tanta imbecillità profusa  ha sdoganato atteggiamenti di assoluta bassezza.

Ogni giorno ci sbattono sul muso il risultato del rientro dei capitali dovuto al famoso “scudo fiscale” come fosse una vittoria.. E lo è , ma del disonesto che ora viene pure premiato col solo 5% di gabella, mentre quel povero onest’uomo che ha sempre fatto le cose in regola ora si trova a frequentare il centro della Caritas  per aver pagato anche le tasse per chi non le pagava.

Arroganza da criminali a cui ormai troppi si sono assuefatti e accettano che sia così, mentre chi legifera vuole che sia così perché gli fa comodo. Quanti di quei miliardi rientrati apparterranno proprio a loro visto che si son votati l’anonimato?

L’indifferenza, la pretesa impotenza, la mancanza di volontà di reagire, ecco a cosa siamo arrivati.

E se una persona in difficoltà per handicap viene trattato con arroganza invece che aiutato nell’indifferenza della maggior parte degli occupanti di un intero vagone ferroviario, poi vengono offerte le “scuse per ogni EVENTUALE disagio e umiliazione”. Farlo scendere dal treno per fargli prendere il successivo (solo perché il regolamento è idiota) non è un disagio. Poi scopro che è rumeno. Avrà avuto un peso ciò? Nessuno ha pensato di pagare la differenza e chiudere una situazione mortificante per tutti?

Ma che fine ha fatto la gentilezza, l’accoglienza, la comprensione, l’empatia naturale che caratterizzava gli Italiani?

Sono morte avvelenate dai sentimenti “d’amore” profusi largamente dai talk show in cui c’è sempre uno che dice cose sensate e quattro o cinque, conduttore compreso, che lo azzannano, o dalle dichiarazioni piene di tenerezza di politici e affini.  

Quale sarà il prossimo gradino che ci affogherà ancor più nella melma?




23 dicembre 2009

POVERO CARO! E’ SOTTO STRESS, SCUSATELO.

 

Son mesi che ogni volta che parla in pubblico l'amministratore delegato delle Ferrovie sembra degnarsi di scendere dall’Olimpo zeus1.jpgper informare gli “scarti di lavorazione dell’universo” in merito al suo lavoro.  Personalmente ho l’impressione che una volta terminata la conferenza stampa si vada a disinfettare le mani e respirare un po’ d’ossigeno per riprendersi dal disagio a cui si sottopone per la modica cifra di un milione di euro l’anno. Povero caro!

L’ultima “uscita” però è peggiore delle altre.

Con il solito tono da “ma che cosa volete!, l’unico vostro diritto è quello di pagare il servizio e basta!” ha spiegato che  per l’ondata di maltempo (prevista (ndr)) aveva messo in moto tutti gli schiavi, e che i disagi erano logici da prevedere, quindi “portate acqua, panini e maglioni” e lasciateci lavorare (senza rompere i coglioni con le proteste(ndr)).

Frase infelice e tono istigatore di violenza.

Se lo avessi avuto sottomano lo avrei volentieri fatto specchiare nella pala da neve che ho usato per l’intero pomeriggio. No, non quella di plastica, quella di ferro… a badile…

Visto che non è certo capace di difendersi da solo, (infatti, poi l’ha fatto) ci pensa il ministro delle infrastrutture dicendo :

 La frase detta ieri dall'ad di Fs Spa Mauro Moretti è sbagliata è un uomo sotto stress da giorni e lo siamo un po' tutti..”.moretti_mauro.jpg

Si, sarà sotto stress, ma intanto per non smentirsi il “signore”  si giustifica dicendo che  : “.. non ritiene sbagliata la sua frase. La «rete ferroviaria sta funzionando» anche se «con alcuni ritardi, ma ditemi quale paese non ha ritardo in questo momento. Così se la gente preferisce che tagliamo il 50% dei treni, lo dica, non è che tutti i manager dei trasporti europei sono (siano, ing., siano!) coglioni c'è un problema di cause naturali» “.

Arroganza allo stato puro! Quella che dovrebbe far abbassare i toni.

Abbassare i toni? Chi? Noi poveri stupidi che gli elargiamo fior di quattrini per portarci i panini, l’acqua ed i maglioni per aspettare treni che non arrivano in stazioni che non hanno più “sale d’attesa”, su binari che non hanno manco una panchina, in piedi al freddo d’inverno e sotto la canicola d’estate?

Io i toni li abbasserei ad un metro da terra e glieli infilerei..

Chiedo umilmente scusa, ma se devo essere vittima che almeno il carnefice sia cortese, o si prenda le badilate sulle corna e zitto!

Purtroppo questa è ormai l’arroganza di chi esercita un qualsiasi potere. Non che in passato fosse meglio, ma l’evoluzione umana dunque esiste? O esiste solo nel senso della perdita del pelo e della crescita media della statura?

uomopreistorico.jpgOsservando freddamente quanto sta succedendo temo che più che di evoluzione si tratti di involuzione. Il maschio sta ritornando cacciatore, non d’animali ma di potere, con armi proprie ed improprie e la stessa crudeltà dei popoli che la storia ricorda come “barbari”.

Una parte della popolazione sta rinverdendo le crociate. 

A Cesara Mantovana (Mantova) solo i bimbi che frequentano l’asilo delle monache possono cantare nel coro della chiesa, gli altri no perché “inquinati da una scelta ideologica. Se non è crociata questa.

E la giunta della Lombardia sceglie di dare i “buoni scuola” alle private mascherando la cosa con il “giochetto del reddito”( mentre i genitori degli studenti della scuola pubblica devono esibire il certificato Isee per accedere a un piccolo contributo, per i richiedenti la "dote per la libertà di scelta" basta l’indicatore reddituale, molto più elastico e senza obbligo di crociati.gifdichiarazione del patrimonio immobiliare). E alle pubbliche restano le briciole.. Se non è crociata questa.

Chiudo con la rabbia del tempo perso questa mattina da tanta gente per il blocco totale delle linee ferroviarie della Lombardia Superefficiente dell’ing. Moretti, avvenuto per il gelo della notte dopo la nevicata e il successivo pomeriggio di pioggia. Alle ore otto e trenta per le linee ad “alta, media, bassa” velocità tra Milano e Venezia non passava un treno neppure se spinto dai passeggeri..

Probabilmente gli schiavi del capo non avevano più fiato per sciogliere il ghiaccio dalle strutture o il filo del fon non era lungo abbastanza per arrivare alle prese di corrente.

Ma bisogna pazientare, i supermanager sono sempre sotto stress.. o sotto qualche polverina bianca?




13 dicembre 2009

ORMAI SIAMO OLTRE “LA FRUTTA”

 

GIORNALI.jpgQuei “benedetti giornali e tg di sinistra” (l’80% secondo uno informato dei fatti) hanno sottolineato, nel discorso del signor presidente del consiglio italiano alla platea internazionale dei delegati del PPE, il riferimento alla “costituzione da cambiare” e alle “toghe politicizzate”, ma hannofatto-quotidiano2.jpg generalmente “ignorato” un particolare per me gravissimo : il riferimento plateale alle sue doti di superman e alle sue gonadi di peso.

Per la cronaca la frase detta (che stenograficamente riporto) è :

Mamma mia, ma come trovano uno che è forte e duro e con le palle come Silvio Berlusconi!” seguito da qualche applauso e da molte berlusconi15.jpgrisate che, dal movimento sugli scranni dei delegati, appaiono più “per lui” che “con lui”.

Una carica istituzionale che si permette un linguaggio scurrile in un’assemblea internazionale...

Certo che dopo le corna nella foto, dopo il “cucù” alla collega, e dopo le storie di escort e festini, immagino che il fatto sia stato archiviato come : “…è il solito giullare italiano”.

Già. Purtroppo si tratta dell’immagine che vengono ad avere all’estero gli italiani.

Et voilà! Dal “pizza e mandolino” al “giullare inaffidabile”.

Ed anche il fatto di portare all’attenzione di chi non ha interesse alcuno per l’argomento il “pallino” della persecuzione da parte della giustizia rafforza nell’idea della crisi di senescenza dell’uomo. Ad un certo livello di età aumenta la naturale inclinazione per le “fissazioni”, e anche sull’orlo del burrone invece di chiedere aiuto si continua atoga-rossa.jpg disquisire sul busillis. I giudici nel caso in questione.

903 giudici si sono interessati di me… “ cioè la metà se non più dei componenti la magistratura?

“... 2520 udienze... “…Accidenti!

Soltanto assoluzioni…” affermazione menzognera visto che sono state tutte prescrizioni o depenalizzazioni ottenute con leggi ad hoc.

Comunque… a parte il “ecchissenefrega! da noi t’avrebbero già fatto fuori” nella mente dei delegati stranieri, sarebbe da chiedere all’attuale ministro della giustizia italiano che esorta i magistrati a perdere meno tempo in tv se gli pare che lavorino poco.

Conto della prof. :

In__Out_Box_1.jpgà    365 giorni in un anno, meno 52 domeniche e 13 (per comodità) giorni di festa comandata  = 300 giorni lavorativi per anno

à    2500 udienze diviso 300 giorni lavorativi  = 8,4 anni con un’udienza al giorno

Minchia!

Forse se taceva faceva meno danno… Questo mi ricorda una poesia di Trilussa:

Rimedio

Un lupo disse a Giove :- Quarche pecora

Dice ch’io rubbo troppo… Ce vô un freno

Per impedì che inventino ste’ chiacchiere…-

E Giove je rispose: - Rubba meno..      

(Giove e le bestie)

Saggio poeta. Ma la tua saggezza nulla ha insegnato agli ignoranti.Robber.jpg

E mentre continua a tener banco quanto di meno importante ci sia per la collettività, un consesso di stakanovisti della ruberia legalizzata va a raschiare il fondo del barile per coprire i buchi di bilancio.

Dopo aver razziato a destra e manca nella “manovrina” della finanziaria si attaccano anche ai fondi del Tfr dell’Inps, ma non per aumentare quelli per i servizi sociali come scuola (oltre 100mila i precari rimasti senza lavoro), ricerca o sanità.

Sono stati perfino cancellati 30 mln di euro per la ricostruzione delle case distrutte a Viareggio a giugno. Per non parlare dell’Abruzzo. Devono pagare le tasse comunali (ICI) sulla seconda casa anche se totalmente distrutta.

Però non è stato fatto alcun taglio consistente alle inefficienze della macchina pubblica. I partiti non hanno rinunciato ad alcun privilegio.

Quanti parlamentari con doppio o triplo incarico hanno rinunciato ad uno di questi? Quanti hanno rinunciato alla macchina “blu”? CartaIgSuocera_jpg1CBhtw.jpgQuanti si portano la carta igienica da casa come fanno allievi e professori in tante scuole?

Ed io pago per andare da Roma a Milano 89€ in seconda classe per arrivarci in 3 ore e mezza, mentre a ottobre (30.10.2009) ne pagavo 75,10 con un aumento di 13.1€ cioè il 18.5% per via dell’alta velocità ... bazzecole!  Con la scusa dell’aumento del numero delle corse. Ma con che logica? Per avere un treno che porta a Roma in tempo per il pranzo alla bouvette con ritorno a casa per l’happy hour a Milano?  Shadow18.JPG

Una mezzoretta in più e una diminuzione del 18% (si pagherebbero 61 €) sarebbe stata più gradita, tanto tra 3 ore e mezza e quattro non vedo la differenza per un viaggiatore normale!

Ho esaurito gli epiteti.



sfoglia     novembre        gennaio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom