.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


22 ottobre 2012

IL TRIONFO DELL’OTTUSITA’

scuola,politici,tagli,istruzione,lavoroVogliamo chiamarla “ottusità” o “imbecillità” o “egocentrismo idiota” o altra definizione capace di stigmatizzare in un solo motto l’incapacità di valutare le conseguenze dei propri atti.

Seguo passivamente i notiziari e, sempre passivamente, leggo i titoli dei giornali online, ma talvolta scatta la molla del disgusto o della rabbia che conduce ad un colorito turpiloquio, come nel caso del “Celeste” che parla in terza persona innescando il dubbio sul “di chi” stia parlando.

Presuntuoso ed arrogante omuncolo in preda ad un delirio d’onnipotenza che ha pari solo negli ormai numerosi suoi “colleghi”. Esempio eclatante dell’ultim’ora la dichiarazione della Madamina  ministra del lavoro (che non c’è) e che si permette dall’alto della sua supponenza di consigliare ai giovani che “Non bisogna mai essere troppo ‘choosy‘ (schizzinosi), meglio prendere la prima offerta e poi vedere da dentro e non aspettare il posto ideale”.

scuola,politici,tagli,istruzione,lavoro

Mi ricordano il “Lei non sa chi sono io” del film con Totò.

Emergono, giorno dopo giorno, ladrocini legalizzati, sprechi di infimo livello, corruzioni d’ogni tipo e in collusione con la malavita organizzata, di cui i componenti d’un qualsivoglia consesso istituzionale sembrano aver assorbito lo spirito e le regole.La triste conseguenza è che molti di coloro che hanno una qualsiasi posizione di “potere” vengono contagiati dallo stesso delirio e si convincono di essere autorizzati a qualunque bassezza.

Contemporaneamente vien data notizia che nelle scuole  «Mancano gli assistenti e i ragazzi disabili restano a casa», o «Mancano i soldi, tornate a casa, e trovatevi un’altra scuola». (Fu così che 27 studenti dell’istituto di formazione professionale, iscritti al corso per operatore elettronico, coordinata dal Comune di Roma Capitale che, a sua volta, dipende economicamente dall’ente presieduto da Renata Polverini,  sono a spasso. )

Son situazioni che urtano contro lo sperpero legato agli ignobili sprechi delle varie giunte regionali, o dei consigli comunali che, con indifferenza suprema, per pianger meglio miseria, tagliano i fondi per il “pulmino” che porta a scuola i bambini o la mensa a quelli i cui genitori son morosi, ma non tagliano le loro ruberie. E neppure le nascondono con la scusa del “così fan tutti”. Ancora una volta chi paga lo scotto sono i bambini ed il loro diritto a crescer “sani”, felici e “colti”.scuola,politici,tagli,istruzione,lavoro

Infatti è scritto nella Costituzione della Repubblica Italiana (art. 34) che viene stabilita l'istruzione pubblica, gratuita e obbligatoria per almeno 8 anni (aumentati in seguito) e viene sancita la libertà di istituire scuole "senza oneri per lo stato" (cioè le “private” confessionali e non).

Quindi, per mia deduzione logica, la mensa ed il trasporto dovrebbero essere gratuite per tutti nel periodo della scuola dell’obbligo, ed i fondi dovrebbero essere reperiti con priorità rispetto a quelli per i “rimborsi” dei gruppi consiliari, per le consulenze e per la somma negli stipendi eccedente il limite dello stipendio medio di un qualsiasi lavoratore specializzato, siano essi di parlamentari o dirigenti statali o impiegati o siano vitalizi.

E taglio netto a tutti quei privilegi come l’assistenza sanitaria “speciale”. Vadano come tutti alle Asl di zona!

Poi niente 5,650 milioni per i parcheggi dei deputati davanti alla Camera, niente sconti su autostrade e trasporti, perché il loro stipendio permette certo largamente di pagare questi servizi, visto che io mi son pagata sempre la benzina per ogni impegno istituzionale fuorisede (orientamento, maturità, corsi di aggiornamento, incontri al provveditorato) con lo stipendio da docente di media superiore.

Ma “lorsignori”, interessatamente “baciapile”, prevedono nella legge “di stabilità” 723 milioni di euro di tagli per l’istruzione pubblica, ma ne danno 233 di milioni alle “private”, per inciso togliendoli all’assistenza agli invalidi, senza parlare del fatto che 6 cacciabombardieri F-35 ci costano 765 milioni di euro.scuola,politici,tagli,istruzione,lavoro

Ma i caccia servono per difendere i privilegi di quei figli di madre ignota che si decidono da soli lo stipendio e che banchettano a botte di migliaia di euro, mentre i bimbi colti, diventati grandi, vanno a lavorare all’estero invece di fare gli zerbini a basso costo per l’intrallazzatore di turno.

Mi triturano “i cosiddetti” quotidianamente con le diatribe sulle “primarie”, sul “mi ricandido-no non mi ricandido”, sul “noi abbiamo fatto” e “voi non vi rendete conto”, sul “dimissioni si o no”, ma, porca paletta!, ormai la misura è colma, l’unico danaro che circola è quello dei benemeriti fetenti che piangono miseria per non rinunciare neppure a uno delle loro migliaia di euro, e quello dei loro corruttori e sodali che hanno trasferito all’estero ormai da tempo i loro capitali, ed ora raschiano il fondo delle tasche dei “morti di fame” per mantenere i loro privilegi.

Spero che la rabbia degli onesti inneschi una vendetta fredda e sadicamente studiata.

L’unico male che “coloro” temono è nella perdita dei loro privilegi e dei loro introiti. Perciò  sta evidenziandosi il terrore che sia eletto chi propone questa via, infatti ogni proposta in merito viene immediatamente oscurata, denigrata e distrutta, a partire da chi la fa, ed io spero che la gente apra gli occhi e non “scarti il libro a causa della copertina”, ma si soffermi a leggere le pagine interne prima di “comprare” un prodotto.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola politici tagli istruzione lavoro

permalink | inviato da AnnaSerenity il 22/10/2012 alle 18:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



21 novembre 2010

SANTA LOGICA !!!

 

Sarà il mio cervello “particolare”, ma continuo a scontrarmi con fatti per me privi di logica.

tartufo_bianco.jpg<< Pranzo da re alla Caritas: il Papa regala un tartufo bianco>>

…e alla Caritas che ci fanno? Lo servono sulle pietanze! Un accidenti di tubero del valore di 100.000 € lo servono a tavola!

<< …oggi servita insieme al riso bianco … Lo stesso tartufo, fa sapere ilmensa1.jpg direttore della Caritas diocesana di Roma, Monsignor Enrico Feroci, questa sera sarà servito a cena alla mensa di via Marsala. >>

Io feroce invece ci divento! Cazzo! Quante bocche avresti sfamato brutto scarafaggio decerebrato se te lo vendevi?

L’8 per 1000, … il 5 per 1000, … fate la carità… e poi ti giochi 100.000 € per far mangiare riso in bianco col tartufo?…

Io non sono capace di capire!

Ho sempre criticato l’umana debolezza della chiesa nei confronti della ricchezza.

La povera gente non ha un tetto sulla testa, ma si costruiscono ancora cattedrali che al homeless.jpgtramonto chiudono le porte e neppure sul sagrato puoi pregare! Nella piazza forse si…

Si scacciano i barboni che dormono sotto il portico dell’oratorio… poi si predica la tolleranza. 

Si vende la dignità ed il rispetto in cambio di vile danaro, tanto più vile in quanto tolto a chi è più debole. Ma senza sporcarsi le mani. Chi se le lorda le ha già sporche!  E’ questa giustizia?

Quei poveri immigrati che hanno passato giorni sulla gru, nel peggiore dei disagi, per101105-Protesta-gru-il-commento-della-gente_play1.jpg protestare contro una truffa, perché i soldi che hanno pagato allo stato per un “sogno” non erano legalmente dovuti, e nessuno li aveva avvertiti, per quelli neppure l’onore di una parola di conforto. La voce che girava tra il “popolo padano” di provata cattolicità era : ”..o cadono o scendono, in ogni caso ce ne  liberiamo”. Questa è Umanità con la U maiuscola.

In questi giorni un fumo denso di chiacchiere sta cercando di coprire un abisso di nefandezze nascoste nel burocratese della finanziaria, dallo “scippo” del 5x1000 da parte dello stato alla legge 183 che annulla di fatto migliaia di cause di lavoro intentate da precari licenziati e renderà praticamente impossibile in futuro intentarle.

Non parlo di scuola ed università. Le hanno letteralmente affamate. Ricercatori, docenti precari, supplenti…  mangeranno riso bianco col tartufo in via Marsala a Roma!

E intanto si parla a iosa  del delitto di Nonricordocomecazzosichiami! Me le hanno letteralmente triturate!

Ma quello che trovo disgustoso è quel rimestare “nelle interiora sanguinolente” dei sentimenti delle persone coinvolte. vespa_plastico_avetrana1.jpgQuell’investigare a tutti i costi a cui quei poveri esseri travolti dalle luci della ribalta si offrono senza pudore. Quel proporre e riproporre video e dichiarazioni per sviare l’attenzione dal pane che ti stanno strappando di bocca!

Ma il ministro Maroni è impegnato nel contraddire Saviano.

La ministra Carfagna litiga con la Mussolini e per un oscuro, per me, gioco di potere dice di voler sbattere la porta e uscire…

Casini fa casino… Non scendo a facile ironia su altro parlamentare di Fli…

All’Aquila le macerie fanno il muschio… tanto s’avvicina il natale…

Il riso Scotti (sarà quello che passano alla Caritas?) ha l’inceneritore che inquina

Il governo vieta di staccare  la spina e manco morire in pace mi fanno!

… Ma vedete ’n po’ d’annà…

 




29 agosto 2010

DIMMI CON CHI VAI E….

 

…Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei, dice la saggezza popolare.

Conferma al detto il ritorno in “visita” di quell’attrezzo extracomunitario che risponde al nome b.jpgnon di “Mustafà” (appellativo dato con grande eleganza dagli “assolutamente non razzisti” del nord Italia), ma di Gheddafi, il Colonnello Muhammar Gheddafi, che si porta dietro 30 cavalli, per i quali ha ben più rispetto che per le donne. Per non parlare della considerazione che ha per i “respinti” che, con la gentile collaborazione del “nostro” ministro diplomato con lode alla scuola dell’intolleranza e della prevaricazione, vengono fatti scomparire nel nulla del deserto dietro lauto compenso dello stato italiano.

(Capo II CHIUSURA DEL CAPITOLO DEL PASSATO E DEI CONTENZIOSI - Articolo 8 : Progetti infrastrutturali di base  -  1. L'Italia, sulla base delle proposte avanzate dalla Grande Giamahiria e delle successive discussioni intervenute, si impegna a reperire i fondi finanziari necessari per la realizzazione di progetti infrastrutturali di base che vengono concordati tra i due Paesi nei limiti della somma di 5 miliardi di dollari americani, per un importo annuale di 250 milioni di dollari americani per 20 anni.)

B.G.baciamano.jpgIl dittatore libico è in grande amicizia con il presidente del consilvio, al punto che in passato ci è scappato anche un baciamano da parte del “fratello pallido”, ricambiato con l’immagine nella filigrana dei passaporti libici. Certo che ci vuole fegato per arrivare a tal punto di megalomania.

Ok! Ci sono coinvolgimenti economici che spingono a certe scelte, ed il conflitto d’interesse  tra la funzione governativa e le aziende che operano nel campo televisivo sono solo un polverone alzato da quegli sporchi comunisti che non sanno più che dire!

A proposito di comunisti… altra frequentazione è l’amico Putin. Lui no che non è comunista. Lui tiene in mano con pugno di ferro la Russia. Incendi?putin_shooting-gun.jpg Va lui a spegnere il fuoco pilotando l’aereo! Mi ricorda qualcuno all’Aquila… ma non riesco a mettere a fuoco.

Beato lui che si peuò permettere di fare quello che vuole, senza magistrati che lo intralcino, senza stampa contro, perché l’opposizione viene sistematicamente semplicemente “cancellata” dalla faccia della terra. Puff! Ecco fatto!

E l’italiano impara..

Diritti del lavoratore? Daiii! Sei fuori dal mondo d’oggi! Se vuoi stare nel sistema calati le braghe e non rompere, perché nella globalizzazione i diritti e la dignità del lavoro sono quelli che vengono definiti dal mercato. Dei cinesi. Schiavizzati per un pugno di riso. Che sono costretti a firmare un patto di non suicidarsi se vogliono essere assunti.

E Tremonti conferma :  «..robe come la 626 (la legge sulla sicurezza sul lavoro) sono un lusso che non possiamo permetterci. Sono l’Unione europea e l’Italia che si devono adeguare al mondo».tremonti_cattivo.jpg

Lui tutt’al più rischia il linciaggio, ma si sente ben protetto. Da figli ‘n drocchia della specie sua.

Ho letto un articolo dal titolo “Insulti e calci all’immigrato (tanto papà è d’accordo )” che rispecchia il cambiamento della sensibilità educativa che comincia a prendere piede (di Elisabetta Reguitti su “il Fatto Quotidiano”). Prendere a calci un poveraccio, o dargli fuoco, o “rimbalzarlo” nelle mani di chi si è accollato il “lavoro sporco”, è diventato normale.

Rubare ai poveri per dare ai ricchi è la nuova giustizia.  Calpestare tutto e tutti per evitare la condanna di chi ha depauperato lo stato, e vuole anche l’ultima goccia di sangue, è un imperativo che merita perfino “fondi straordinari”.

E la scuola pubblica muoia pure di fame! ‘che tanto le private sanno bene auto rimpinzarsi con i soldi dei “furbetti” e di quelli che, grazie agli “amici loro” di soldi ne fanno nonostante la crisi.

precari7.jpgQuelle “poche” decine di migliaia di prof. precari che perderanno ogni sostentamento ed ogni speranza per il loro futuro si spiccino a morire insieme ai lavoratori senza 626 e a tutti quelli che non si vogliono adeguare, così risolvono ogni problema. …Anche quello della sovrappopolazione!

 

Link d’autore…

L’imperatore padano “Trota I”

Due amazzoni e 500 ragazze per Gheddafi

E tanto per…

E FFATÈME RESPIRÀ !

I SOLITI DISFATTISTI !!

 




17 febbraio 2010

IL DIRITTO AL TURPILOQUIO

 

 Ho appena finito di guardare la puntata di “Presa diretta”  dal titolo La scuola fallita” che ho registrato domenica sera.

Dragon_1.jpgIn questo momento se fossi un drago, quelli delle favole che sputano fuoco, mezza Italia sarebbe in fiamme!

Figli di puttana! Fratelli di puttana!, Nipoti di puttana! E magnaccia i loro padri!

Ecco cosa sono quella manica di ladri che tiene i cordoni della borsa che contiene anche i soldi miei!

Voglio la licenza di caccia libera nei confronti di quella sottospecie di esseri viventi che conmaga1.jpg insuperabile arroganza stanno razziando e stuprando la scuola pubblica.

Voglio che il fulmine dell’indignazione popolare faccia scempio dell’altezzoso mondo delle scuole private, ed in primis di quelle confessionali, che rifiutano il debole per gli interessi di una casta “con la puzza sotto il naso”.

Il diritto allo studio è diventato un privilegio degli abbienti.

La scuola pubblica viene soffocata dall’insolvenza di quello Stato che la deve garantire.

Ma i soldi non mancano per quelle facce di cu.. che girano con la macchina blù nuova di zecca, mentre la polizia aggiusta i motori con lo scotch.

Fashion-20146.jpgI soldi non mancano per le serate in albergo a “sei o quasi sette” stelle in cui il culo delle donnine deve essere di classe per potersi appoggiare sulle ginocchia del puttaniere di turno!

Mavaffanc…!!!

Quante volte ho denunciato lo sconcio della scuola senza mezzi.

Quante volte ho raccontato che mi sono portata il PC vecchio da casa perché era più moderno di quelli in dotazione al “mio” ITIS .

E sicuramente sia per l’ambiente che per le attrezzature quella scuola sta meglio di tante altre.

Il robottino che si arrampica sui vetri che ha vinto premi, anche internazionali, è stato progettato e costruito in quelle aule, con i mezzi elemosinati dalle aziende della zona.ROBOTTINO1.JPG

Come gli strumenti per i laboratori chimici comperati con i fondi reperiti con “collette” camuffate da analisi delle acque e dell’aria, o da prove di sintesi di composti vecchi con nuovi catalizzatori. Tanto utili per la didattica quanto inutili per le aziende.CONGRATULAZIONI 2.JPG

E questo mondo che ha garantito un futuro migliore di quello prospettato inizialmente a tanti adolescenti “che non avevano voglia di studiare” o che dovevano “pensare alla famiglia” in disagio socio economico, viene affogata nel fango della società voluta dagli arroganti intrallazzatori che mandano i loro figli nelle scuole private “migliori di Milano”, quelle di suore o dei gesuiti, che “formano la prossima classe dirigente”, per la modica somma che va dai 6000 €  ai 9000 € extra esclusi (cioè ti paghi le lezioni di musica, arte, nuoto, tennis, e di ripetizione se ne hai bisogno). Quelle scuole che emarginano chi ha “dei problemi” o “crea problemi” per offrire sul mercato “ambienti sani e puliti”, mentre vengono tagliate alle scuole pubbliche le ore degli insegnanti di sostegno.

Ed queste dovrebbero essere scuole cattoliche?

Guarda caso i genitori che iscrivono i figli a quelle scuole son tutti ”liberi professionisti”, o Edu7.jpgmedici … o figli di figli di puttana!

Forse avrei potuto mandare mia figlia in una di quelle scuole, anzi mi è stato chiesto perché non lo avevo fatto. Piuttosto che sporcare la mente del mio unico investimento per il futuro in quelle tane di serpi classiste e false l’avrei educata da me!

Le ho comunque offerto tutti quei supporti per la sua crescita che le scuole private offrono, ma con il valore aggiunto della mia attenzione, dal corso di nuoto ( “non voglio che se cade nell’Adda mi affoghi”) all’inglese dalla scuola materna (corso organizzato con docente di madrelingua dai genitori) e poi fino all’università, alla chitarra abbandonata dopo aver imparato a strimpellarla.

sonia.JPGEd ora è un’adulta in grado di guardare in faccia chiunque con lo sguardo scevro da pregiudizi, apprezzando il valore del pensiero libero, onesto e leale, e non che non si piegherà  mai a compromessi in nome del profitto né personale né collettivo.

Ma quando la scuola crolla, il territorio frana, (.azz! In quella zona ci son almeno due terremoti al giorno!!!), il lavoro va a puttane.. ma non le paga perché non c’è il becco di un quattrino, e lo stato non investe più nella formazione dei giovani riempiendosi la bocca con balle sui licei e sulla comparazione con l’Europa, il futuro è delineato!

Siamo nella merda, e andranno a scavar merda, così ci sarà lavoro per tutti!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola crisi politici precari lavoro

permalink | inviato da AnnaSerenity il 17/2/2010 alle 11:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



3 marzo 2009

FIGLI DI PUT.. SI NASCE!

Cavoletti di Bruxelles certo che “lor signori” hanno un bel modo di agire. E’ quello che si definisce il diritto del più forte. Vendono la loro integrità fisica e morale ad una coalizione, poi s’incollano le terga allo scranno ed infine sorridono perché sanno che sono “arrivati”. Possono farsi i loro interessi per dritto e per rovescio. Hanno la protezione del “branco” per Scrooge_Counting_Money.jpgogni malefatta antecedente tramite l’autorizzazione a procedere che non viene data praticamente mai. Son sempre puliti grazie al lavoro di decine di lecchini. In tempi di crisi economica se ne fottono con noncuranza della gente che “ciuccia l’osso della pesca” per mancanza di altro sulla tavola e Mangianoun pasticcio caldo di maccheroni per la modica cifra di € 1,50 e sorseggiare un caffè, servito in tazzina di porcellana con il marchio in oro del Senato, a 0,42 centesimi. ” alla faccia di chi deve sborsare 4 € solo per un panino micragnoso al bar sotto l’ufficio. Spero che prendano almeno una congestione uscendo dalla buvette!
..” L' avvicendamento nella gestione della buvette, .. posta al piano nobile di palazzo Madama dov'è l' Aula, è scattato ieri … Dei nuovi «prezzi politici» della buvette,beneficiano anche i funzionari e i giornalisti che per un pasto completo, il più caro e abbondante: pasticcio di maccheroni (1,50 euro), seppioline con patate o pesce spada (2 euro); contorno (1 euro), composta di frutta fresca (1 euro) e caffè, spendono 5 euro e 92 centesimi.”..
Mortacci loro!
Ed intanto predicano in merito agli sprechi e tagliano. Si, tagliano 400.000 posti nella pubblica amministrazione.
…”Sono circa 400.000 i precari della pubblica amministrazione che potrebbero rischiare il proprio posto di lavoro a causa del decreto che blocca la stabilizzazione dei lavoratori flessibili nel comparto, la metà impegnata nella scuola. Ai 112.489 occupati a tempo determinato e ai 25.213 lavoratori socialmente utili (dati 2007 della Ragioneria generale dello Stato) si aggiungono infatti 80.000 contratti di lavoro a progetto .. si aggiungono 130.000 docenti e 75.000 lavoratori non docenti impegnati nella scuola.. “ !!nodo scorsoioC.jpg
E la ministra che sprizza allegria da tutti i pori continua imperterrita a sostenere che : “«Con un migliore impiego delle risorse - ha detto - siamo riusciti non solo a mantenere il tempo pieno, ma ad aumentarlo. Non prevedo problemi, ho parlato con alcuni direttori scolastici regionali e le notizie sono tranquillizzanti».”.
Mi piacerebbe conoscere chi caz.. sono i direttori che ci riusciranno senza far danni irrecuperabili. Oh! Certo a parole son tutti dei geni, ma scontrarsi con la dura realtà dell’organizzazione scolastica è un’altra cosa!
Si tratta di situazioni che vengono affrontate come quando a casa la sera dopo le otto ti vedi arrivare venti persone a cena e hai il frigo praticamente vuoto! E’ martedì e il pizzettaro sotto casa è di riposo, come la maggior parte degli altri. I ristoranti di zona non fanno servizio a domicilio, e tuo marito insiste col “Dai che due spaghetti ce li puoi fare”. Sì, conditi col suo sangue, porco mondo infame! Allora ti inventi una miscela di avanzi ricucinata in modo fantasioso, affiancata da gallettine rafferme rinvenute nel fondo di un cassetto e rinfrescate con un avanzo di salsa piccantissima allungata con il formaggino del pupo!
Ecco come si risolvono le cazzate dei capi! Con fantasia ed una preghiera a S.Antonio che gli avanzi usati non facciano finire all’ospedale qualcuno!
Smoking_in_Bathroom.jpgPorca putt.. ! Quella specie di triglia lessa ha una vaga idea di che cosa vuol dire avere la responsabilità di evitare che un branco di ragazzini si butti fuori da una vetrata solo per vedere che effetto fa? Lei forse ricorda solo le classi di pupetti con il grembiulino col colletto con il fioccone seduti tranquilli al banco pena le bacchettate sulle mani! Oggi non temono neppure i famosi 5 in condotta se hanno dietro i genitori che scaricano le responsabilità sugli insegnanti.
Povera gente, i mie ex colleghi! Non li invidio!
A proposito del 5 in condotta, ai miei tempi c’era il 7 in condotta come insufficienza che mandava a settembre in tutte le materie. Oggi “fioccano” i 5, esattamente come “ieri” fioccavano i 7 che da tempo non avevano alcun valore sul profitto e venivano comunque dati nell’indifferenza degli allievi e delle famiglie. Quindi statisticamente parlando “fioccavano” anche allora, e continuano a farlo, solo che lo troviamo scritto sui giornali della disinformazione.
Ed il “popolo bue” beve a piene labbra gli spot e poi s’incazza perché si accorge di essere stata preso per i fondelli.
Già, figli di put.. si nasce, e mia madre era una santa e morigerata donna.

ULTIME NOTIZIEstrillone2.gif

Angelo Rizzoli assolto”.
Chi è Angelo Rizzoli? E' colui che è il proprietario del Corriere della Sera, un signore che 26 anni fa è stato arrestato per bancarotta fraudolenta per aver occultato, dissipato, o distratto dalla loro destinazione 85 miliardi di lire, di allora. Ieri, dopo 26 anni, tutta la stampa scrive “assolto”. In realtà, la Cassazione lo ha assolto non perché il fatto non sussista o perché non ha commesso il reato, ma perché la bancarotta patrimoniale societaria in amministrazione controllata è stata depenalizzata dal 2006, perché il governo Berlusconi ha fatto si che quello che prima era reato non è più reato, insomma, Rizzoli non dovrebbe accendere un cero a Sant'Antonio, ma a San Silvio.

Il caso della famiglia Mastella.”
Pochi giorni fa il Tribunale di Napoli ha chiuso le inchieste e ha recapitato, a coloro che sono indagati, l'avviso di chiusura indagini, a cui può seguire poi la richiesta di rinvio a giudizio. Tra questi ci sono lo stesso Mastella e la signora Lonardo (moglie di Mastella). La cosa simpatica è che Mastella è candidato per il Pdl, la moglie è presidente della Giunta regionale in quota Pd, ed entrambi sono nello stesso partito, l'Udeur. Quindi, l'Udeur sta con un piede dalla parte del Pdl e con l'altro dalla parte del Pd, mentre quest'ultimo sta a guardare. … Certo è che per queste due persone, insieme ad altre ed a esponenti dell'Udeur, sono state chiuse le indagini per una serie di reati.
ALLEGRIA!!!!



sfoglia     agosto        novembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom