.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


9 aprile 2012

SANTA NEGA

lega,equità,partiti,finanziamento pubblico,povertà“Quanno l’hai fatta grossa, tu vòtate a S.Nega e và a vedè  n’do sta la verità!”

Lo diceva una vecchia zia laureata in “menzogne e affini”.

In questi tempi mi sembra di stare al concorso a premi “Trova la scusa!”.

“Mai preso soldi dalla Lega!” dice il Trota alla tv, e non mente, infatti li ha presi da mamma o da un intermediario di papà, che li hanno presi da… finanziamenti o fondi neri.

Già! Quel papà che ha millantato creativamente una laurea in medicina, dimostrando una notevole propensione alla menzogna. 

Quel papà che ora ha in buono stato solo metà del cervello o poco più.

Come colpevolizzarlo se con la precedente (all’ictus) mania di protagonismo e propensione alla fandonia è convinto ora di essere nel vero e nel suo diritto.

L’affettuosa mogliettina rapace lo protegge e lo blandisce con l’incoscienza della più totale assenza di onestà civile, nella più profonda convinzione che il partito sia un “prerogativa inalienabile di famiglia” e regnare dispensando benefici ai consanguinei sia un dovere.

L’appoggio di un’amica fidata, e forse maestra nell’intrigo, garantisce diritto ed impunità nella tresca.

Soldi facili. Ecco il motore di troppe realtà che stanno affiorando.lega,equità,partiti,finanziamento pubblico,povertà

Indifferenza per la sorte degli altri, egoismo esasperato sono il punto focale della società odierna.

Tanti, troppi individui stanno perdendo ogni voglia di vivere, a partire da quelle persone anziane che non sanno più come affrontare la miseria che incombe su di loro.

Un diploma al rampollo infingardo è stato pagato 120mila euro presi dalle casse del partito.

Un’anziana si suicida per una riduzione di 200euro su di una pensione di 800euro elargiti dallo stato.

Le due facce di una stessa medaglia : quella della società Italia.

Responsabile di entrambi uno stato padre per il primo e patrigno per la seconda.

Uno stato incapace di equità e giustizia.

Uno stato che si piega al malaffare, inadeguato a far fronte  al disagio dei deboli sottraendo il maltolto a chi ha legalizzato la truffa.

Quello che offende maggiormente è l’uso ripetitivo della parola “equità” quando nei fatti di equo non c’è nulla.

Cinquecento milioni di euro vengono elargiti ai partiti a fronte di cento milioni di spesa certificati. La differenza paga ville, barche, viaggi, diplomi, lauree, case, tessere di partito, imbrogli e attività dissolute… spesso “a sua insaputa”.

Sarebbe sufficiente recuperare i quattrocento milioni non fatturati e gli esodati sarebbero a posto, tanto per fare un esempio.

L’Aquila, a tre anni dal terremoto cinque milioni per le indennità dei funzionari Sono 231 gli esponenti di enti pubblici ad aver ottenuto i bonus per la ricostruzione. Per il progetto C.A.S.E. e le strutture temporanee pagati anche i dirigenti della Protezione civile

Ladre nel cortile del Famila? No, sono due madri alla ricerca di cibo fra i rifiuti.  I passanti segnalano le donne che scavalcano il cancello, ma gli agenti scoprono la storia di disagio e disperazione

e…

05/02/2012: San Remo, 47 anni, elettricista si spara.

26/02/2012: Firenze, 65 anni, imprenditore si impicca.

02/03/2012: Ragusa, commerciante tenta di darsi fuoco.

02/03/2012: Pordenone, 46 anni, magazziniere si suicida

09/03/2012: Genova, 45 anni disoccupato, sale su un traliccio della corrente

09/03/2012: Taranto, 60 anni, commerciante trovato impiccato.

10/03/2012: Torino, 59 anni, muratore si da fuoco.

14/03/2012: Trieste, 40 anni, appena disoccupato si da fuoco.

15/03/2012: Lucca, 37 anni, infermiera ingerisce acido.

21/03/2012: Lecce, 29 anni, artigiano si impicca.

21/03/2012: Cosenza, 47 anni, disoccupato si spara.

23/03/2012: Pescara, 44 anni, imprenditore si impicca.

27/03/2012: Trani: 49 anni, imbianchino disoccupato si getta dalla finestra.

28/03/2012: Bologna: 58 anni, si dà fuoco davanti all'Agenzia delle entrate.

29/03/2012: Verona, 27 anni, operaio si da fuoco.

01/04/2012: Sondrio: 57 anni, perde lavoro, cammina sui binari, salvato in tempo.

02/04/2012: Roma: 57 anni, corniciaio, si impicca.

03/04/2012: Catania, 58 anni, imprenditore si spara.

03/04/2012: Gela,78 anni pensionata si getta dalla finestra, riduzione della pensione

03/04/2012: Roma, 59 anni, imprenditore, si spara con un fucile.

04/04/2012 Milano, 51 anni, disoccupato si impicca.

04/04/2012 Roma Imprenditore si spara al petto col fucile. La sua azienda stava fallendo.

cari politici... che le loro anime possano disturbare i vostri sogni tranquilli con i vostri stipendi d'oro e tutti i vostri privilegi !

Temo che “equo” sia per il parlamento solo un sinonimo di “cavallo” (dal latino equus magari asinus) da nominare per indicare chi tira la carretta!




15 marzo 2012

POSSO DIRE “CHE SCHIFO”?

lily nel lavandino1.JPGL’espressione più spontanea in questo periodo è il “sorriso amaro”.

Spesso scappa da ridere, cioè, ma c’è poco da ridere in effetti.

Pare che lo facciano apposta.

Sparano sentenze oltre il limite del ridicolo perché sembrano totalmente dimentichi del recente passato in cui, come attività prevalente,  hanno curato la crescita delle loro corna fino a farle diventare avanguardie lunghe e lucenti della loro presenza, ed ora additano al pubblico ludibrio le bozze frontali, di origine traumatica da contatto con muri più duri 

politici,lega,società,maleducazione,educazione,diritti delle donnedel miglior cemento armato, di chi sta cercando di tirare fuori dal pantano la carretta sottratta alla loro incuria.

Come il bue che dà del cornuto all’asino.

Quando poi, in conversazione “privata” in pubblico, cioè non dichiarazione ufficiale, qualcuno afferma che c’è un modo di far politica che fa schifo, apriti cielo!

Incitare a pulirsi il c…o con la bandiera italiana, o mandare a quel paese il Presidente della Repubblica, o girare col dito medio alzato nei confronti di chiunque, o l’inciucio, o la collusione, o il ladrocinio legalizzato, questo era ed è normale.

Dare dello schifoso a chi lo è di fatto non lo è!

A proposito del dito medio… e della scomparsa della “buona educazione” che vent’anni di predominio di maleducati arroganti e prevaricatori dilaganti nei media ci hanno regalato…

Un fatto accaduto a me : Stavo camminando lungo uno dei viali della cittadina in cui abito quando ho incrociato una fila di piccini dell’asilo che, accompagnati dalle maestre, tornavano verso la scuola.

Ho sempre un sorriso pronto per i bimbi, ed ho cominciato a salutarli con la mano e con le parole. I cuccioli rispondevano con grandi sorrisi quando uno di loro mi ha mostrato il dito medio ridendo e nascondendo poi la faccia dietro al compagno di fila.

Sono subito intervenuta dicendo che era un gesto volgare da non farsi e che solo i “bimbi brutti” lo politici,lega,società,maleducazione,educazione,diritti delle donnefacevano, mentre “i belli” no. A questo punto una delle maestre si è girata dicendomi : “Eh! Ma insomma! Sono solo dei bambini! ”

Si! E’ vero, ma proprio per questo è importante demonizzare i comportamenti sbagliati. Forse in futuro comprenderebbero che certi personaggi non sono degni della loro attenzione e diverrebbero cittadini migliori.

E Tu, maestra (o genitore), dovresti essere un’educatrice e quindi sapere che “loro” sono bombardati dagli esempi di una società che ha perso la strada giusta e quindi dovresti comprendere ed appoggiare il mio intervento. Ma poiché sei anche Tu vittima della stessa società e sei talmente intellettualmente debole da essere ormai incapace di usare il cervello non sei adeguata al ruolo che hai.

Senza vergogna o limite le “finesses” dei politici non finiscono mai e continuano a riempire l’etere, l’ultima è di Formigoni (link per la boutade in diretta). Seguita a ruota da:

 La confessione di Maroni: “Macché xenofoba La Lega ci ha solo marciato per avere voti””!  

Ci ha solo marciato?!?  E gli elettori son dei pirla!

Mentre lentamente affiorano nel mare dell’informazione gli scheletri delle malefatte della politica, fatte inabissare legate a macine da mulino di intrallazzi, corruzioni e concussioni, si evince che chi più grida d’essere innocente è chi più ha da nascondere.

Senza vergogna alcuna per le sue lunghe corna urla cornuto, cornuto, cornuto.

Ed ancora una volta si cerca di fare una legge per sommergere nuovamente quanto già emerso o che rischia di emergere. Ormai nulla se non questa cosa è più rilevante per “coloro”.

Ormai nulla al di fuori del loro tornaconto può sconvolgere le loro esistenze.

Le migliaia di persone torturate e poi uccise con barbarie, i bambini  violati ed usati come merci, le donne dichiarate (link) dalla legge, approvata da pochi giorni, senza diritti… valgono al massimo uno sguardo distratto a meno che non ritornino a loro vantaggio.

Dramma nella Grecia in recessione. A 12 anni mette in vendita il figlio neonato

politici,lega,società,maleducazione,educazione,diritti delle donne

Quello che colpisce è l’assenza di attenzione per chi ha partorito, cioè una bambina di dodici anni…  è un dramma solo della recessione...





16 dicembre 2011

MANICA DI PRIMATI

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

I senatori leghisti protestano in aula.

Protestano? Per me schiamazzano come bertucce, fanno gazzarra per puro divertimento, con atteggiamento adolescenziale e assoluta indegnità di funzione.

Senatori! Ricordo che il Senato fu costituito da Romolo nel settecento e rotti a.C..

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

Il termine deriva da senex (anziani o padri), perché i membri del senato erano inizialmente gli anziani del popolo romano il cui ruolo principale era 

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

quello, in funzione della loro “saggezza” e “dignità”, 

di assistere e consigliare il re nelle decisioni da prendere.

Saggezza? Quelle scimmie ridacchianti e maldicenti dovrebbero essere i “saggi” della Repubblica italiana? Quelli che bivaccano in buona compagnia di altri primati pronti alla “dissociazione interessata”?senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

Dignità? Quale dignità hanno dimostrato e dimostrano con la compravendita dei voti come fosse un suq di periferia?

Quale saggezza e dignità hanno mai dimostrato avallando le mire di ora questo ora quello, e proteggendo a spada tratta chiunque fosse stato scoperto con il barattolo della marmellata tra le mani?

Giustificano le cose che avvengono con una pretesa di “campagna elettorale in fieri”, ma io non capisco chi sia ancora pronto a bersi le frottole sul piatto.

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizieNon toccare le pensioni” scritto in grande, “e neppure i nostri interessi privati e privatissimi, né quelli delle lobbies degli amici che promettono soldi e appoggio” scritto piccino piccino.

Buffoni! E nel senso corretto del termine. Perché è molto clownescasenato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie la maschera di Calderoli, ed è un circo equestre quell’aula che lo ospita, piena di marionette, nani e ballerine.


Anziani lo sono, infatti spesso cedono a
lla breve “pennichella del nonno”.

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie
senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

Naturalmente se non sono impegnati a sfogare i loro pochi ormoni residui in bagarres o in performances seduttive.

Intanto proclamano a destra e a manca lotte all’evasione (pensando forse ai carcerati), lotte contro la povertà (loro), lotte all’immigrazione (che fa sempre presa sulla base elettorale ma non deve aver successo altrimenti non s’incazzano abbastanza), lotte agli sprechi (degli altri. Quegli accidenti di poveri mangiano troppo e  cag… come leoni inquinando più del con..cesso. Che spreco!), lotta ai privilegi ( basta che non siano loro o della chiesa, che garantisce il voto di tutti i baciapile del belpaese!).

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

E “qualcuno” si lancia a dire che anche i meno ricchi devon fare sacrifici in questo momento di grande difficoltà dello Stato. Non si è forse accorto che i sacrifici li stanno facendo SOLO i meno ricchi?

Ho trovato divertente che abbiano previsto nella manovra la tassazione del tabacco sfuso per compensare l’attenuazione della tassa su auto e barche di lusso… basta che il ricco evasore non fumi la pipa, …in fondo è più facile che si faccia le canne di nascosto!

senato,manovra,lega,proteste,parlamentari,ingiustizie

La parola più usata in questi giorni è “rimandata”.

La realtà lampante è che la classe politica deve essere “bocciata” senza appello.


 




27 novembre 2011

FIGLI D’UN DIO MINORE

Lilly09.JPG

Le dimostrazioni dell’aberrante pochezza cerebrale di quelle persone che ancora osano sedere in parlamento ed ergersi a difensori dei diritti dei “loro elettori” ( fondamentalmente vero, visto che come botoli ubbidienti difendono i loro capi) non ha mai fine.

T’indigni per un caso e ne spuntano almeno altri due!

Napolitano: "Cittadinanza ai bambini ( figli di stranieri )nati in Italia (link)"

La Lega: "Così si stravolge la Costituzione" - Maroni e Calderoli: "Pronti alle barricate". – Cicchitto e  La Russa: "Così si mette a rischio la vita del governo".

Vorrei sapere di quale stravolgimento costituzionale si tratti. Il Presidente della Repubblica auspica solo che

"… in Parlamento si possa affrontare anche la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un'autentica follia, un'assurdità. I bambini hanno questa aspirazione".

Forse temono un futuro confronto tra coloro che usano il cervello solo per riempire la scatola cranica, come nel loro caso, e i nuovi cittadini arrivati che potrebbero essere cerebralmente autonomi.Napolitano, immigrati,bambini,italia,lega,padania,giovanardi

Statisticamente parlando, è inevitabile che una percentuale della popolazione sia costituita da imbecilli, ma non è logico che si siano concentrati tutti nelle stanze del parlamento.

Scomodano addirittura “le barricate”! Dopo i fucili e le bande armate ora vogliono le barricate e contro chi?  Contro i bambini nati in Italia. Solo perché non lo sono i genitori!

Ed allora via con gli sproloqui del tipo :

“…regolarizzare migliaia di clandestini”, “…tutte le donne africane verranno a partorire in Italia”…

fino all’arroganza di Giovanardi che attacca :

Napolitano : Farebbe meglio a stare zitto (link)

dimostrando nel suo sproloquio di avere una conoscenza approssimativa di quanto detto dal Presidente e di quello che prevede la costituzione :

“…In quale paese un capo dello stato decide qual è la cittadinanza o no o si intromette in questioni che sono del Parlamento e del governo?.. Napolitano non doveva intervenire perché non è nel suo ruolo...

Non mi addentro nel campo giuridico, specie per quanto riguarda quello che vorrebbe dire rendere tutti uguali i bimbi che nascono negli ospedali italiani, mi limito a sostenere che quelli che hanno genitori stranieri non sono “figli di un dio minore”.Napolitano, immigrati,bambini,italia,lega,padania,giovanardi

Se sono costretta ad accettare di pagare decine di migliaia di euro di stipendio per subnormali arrivisti, ignoranti come scarpe, eppur saccenti ed arroganti, posso con equa liberalità offrire gli stessi servizi sociali a tutti coloro che nascono in Italia.

…Magari togliendo loro 100 euro dallo stipendio ogni volta che dicono cazzate e mettendole in un fondo destinato alla scuola.

A proposito di ignorante arroganza, ne è una vera dimostrazione pratica l’intervento del deputato della Lega Nord e sindaco di Varallo, Gianluca Buonanno, intervistato nel corso della trasmissione La Zanzara su Radio 24 :

Buonanno: ''La Padania esiste. La prova è il Grana Padano (video)''

"Perché il Grana Padano si chiama così e perché esiste il Gazzettino Padano? Se c'è questa terminologia significa che la Padania esiste".

In rete si è scatenata la gara (link)  alla battuta migliore.

Penso che “el shùr sindac” sia la “prova provata” della faccia tosta e dell’incompetenza della gente di cui sopra. Valore presunto per la cavolata a favore del fondo : mille euro… ed è poco!

Nel frattempo continuano “indisturbate” le morti sul lavoro, i suicidi di imprenditori disperati e la strage di innocenti per terra e mare.

L’unica cosa che ha importanza però è la lotta per mantenere i privilegi (tagli solo per la prossima leva) e contro i comunisti…

…Non so che dire…allora canto…

 http://youtu.be/zNtDe7hfETQ





7 agosto 2011

S’IO FOSSE FOCO…

 

rifiuti,napoli,legaS’io fosse foco arderei lo mondo.

Ma son solo una “vecchia signora” ampiamente a disagio nel vivere in una società che non riconosco più.

I miei valori son diventati dei disvalori.

La gente non conosce più cortesia, gentilezza, rispetto, umanità e segue chi mostra arroganza e disprezzo.

Ancora una volta alcune dichiarazioni del “senatùr” hanno effetti indesiderati sul mio umore.

Mi riferisco a :

"I rifiuti di Napoli se li tengano. Anche se il presidente della Repubblica, che ha firmato il decreto, ha detto che però non è sufficiente. Vabbè, lui è originario di Napoli, capisco. Però la gente del nord non vuole i rifiuti di Napoli".

Ed io sarei di parte perché son nata a Venezia? Dovrei quindi star dalla parte dei padani? Di quelli che vanno a riempire l’ampolla alle sorgenti del Po e poi mangiano la carne dell’orso perché rompe le palle a qualche montanaro che gira con le corna sulla testa?

Quegli orsi arrivano dalla Slovenia e quindi son extracomunitari senza rifiuti,napoli,legapassaporto, quindi, dicono, “tutto regolare”. Una battuta, certo, ma ci fosse in embrione il pensiero di banchettare con altra carne senza passaporto?

Questi son fuori di melone!

La natura va rispettata se fa comodo e violata, stuprata, ingannata, uccisa se non lo fa?

La gente del Trentino la conoscevo bene in passato, visto che passavo le mie vacanze in una delle loro valli in un tempo che sembra un secolo fa (e tecnicamente lo è visto che parlo degli anni sessanta più o meno). Gente dal cuore grande e con gran rispetto per quella natura avara ma generosa. Avara perché poco adatta alle esigenze dell’uomo, generosa perché i suoi frutti nascosti nei boschi ancora integri davano cibo e vere e proprie leccornie a chi li rispettava.

Oggi non so più chi siano…

Forse son vittime della dialettica ruspante di gente deteriore.

rifiuti,napoli,legaRitornando alla “monnezza” :

“..il ministro della Semplificazione normativa, Roberto Calderoli, si dice "disponibile ad andare a fare il commissario per l'immondizia a Napoli se comune, provincia e Stato me lo chiedono" tanto, spiega in una intervista a Repubblica, "tutto quello che dovevo fare nella vita l'ho fatto e anche se mi ammazzano non ho problemi".(n.d.r. : Figurati se li ho  io!) "Però - avverte il leghista - sappiano che a Napoli ci vado armato e non porgo l'altra guancia. Vado lì e faccio i buchi, faccio i termovalorizzatori. Punto. Se poi arriva la camorra e spara, sparo anche io. Vediamo chi resta in piedi. E se non riesco a fare i termovalorizzatori tiro fuori il lanciafiamme così libero le strade".

E avveleni quella gente che ti sta chiaramente sullo stomaco, così risolvi due problemi in una botta!

Poi…Fare i buchi? A Napoli? Una città costruita sul tufo e sulla pozzolana delle eruzioni? Tufo già abbondantemente “bucato” a partire dai greci (III sec. a.C.) che “se lo fregavano” per farci i loro templi. Mo’ arriva il padano a metterci il carico da undici!

Ma questo è proprio strafatto! Il tanfo che esce dalla sua bocca ammorba l’aria!

Nord, Sud, Isole… L’Italia è un condominio litigioso. Il vessillo del federalismo, dell’identità territoriale, sono come quegli stuoini messi davanti alla porta che invitano a “pulirsi le scarpe prima di entrare”.

E c’è il condomino che lo fa e quello che lo ignora, magari per dispetto. Ed allora si litiga.

Mi torna in mente un “fatterello” di gioventù.

Abitavamo al primo piano di un condominio di Roma e la signora del piano rifiuti,napoli,legasuperiore annaffiava le piante sul suo terrazzo senza riguardo alcuno per il terrazzo inferiore. Un giorno la mia mamma dovette dissuadermi dal presentarmi alla porta della coinquilina con un secchio d’acqua in mano pronta a “restituirle l’acqua” non appena avesse aperto la porta dicendole :”Signora le è caduta questa e gliel’ho riportata su”.

Sai che bello se i rifiuti del nord dispersi nel sud tornassero al luogo di produzione.  

(“MONNEZZA CITY” TRA VELENI E AFFARI DEL NORD - Viaggio a Giugliano, dove la terra accoglie i rifiuti settentrionali - Da “Il Fatto Quotidiano” di Giovedì 7 luglio 2011 pagina 9)

Storie di vita e di giovinezza.

Il problema dei rifiuti (Un riassunto di Report nel video)

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega napoli rifiuti

permalink | inviato da AnnaSerenity il 7/8/2011 alle 17:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



7 agosto 2011

VIENI AVANTI, CRETINO!

 

politica,scuola,lega,finanziaria,casta,privilegiNon so da chi cominciare, visto che sembra il congresso dei cretini.

Ma si! Cominciamo da quello, anzi “quelli” che penso siano parte delle persone dall’evoluzione geneticamente bloccata alla fine dell’era glaciale, con i neuroni ancora leggermente congelati.

politica,scuola,lega,finanziaria,casta,privilegi

Mi riferisco al popolo che va nella piana di Pontida con la faccia dipinta di bianco e verde e le corna incollate su una insalatiera usata come cappello, e all’imbarazzante “capo” che blatera e gesticola dal palco nel modo che la sua condizione di salute attuale gli permette.

Mi son presa la briga di leggere “l’impegno del governo per i prossimi 180 giorni” distribuito agli astanti.

Ma non son gli stessi punti programmatici già presentati più e più volte? Ma non son forse “coloro” nelle stanze di potere della “Roma ladrona”? Quella stessa Roma che stanno bellamente occupando con la colla nelle tasche per usarla quando si siedono su una poltrona?

politica,scuola,lega,finanziaria,casta,privilegiRisultato?   Il pensiero : “Ma questi ci sono o ci fanno?”

Se ci credono… ci sono. Se non ci credono però ci stanno… ci fanno.

In ogni caso come si può prestare fede ancora a chi son anni che vende aria fritta… A meno di non girare con la cazzarola cornuta sulla testa ed allora tutto è possibile!

Ed ora giocano a fare i “duri e puri” con la monnezza di Napoli. Niente trasferimenti in altre provincie.

Eggià! Finché lo faceva la cricca di Bertolaso & Company tutto bene, ora che qualcuno di onesto ha messo da parte gli intrallazzatori no!

politica,scuola,lega,finanziaria,casta,privilegi

Senza ripensare a come l’imprenditoria padana, asl comprese, fosse ben felice di pagar poco lo smaltimento dei rifiuti speciali  e non porsi domande di “dove” fossero smaltiti, anche se facilmente intuibile il viaggio verso sud.

Il balletto della finanziaria, poi,  meriterebbe gli onori del palcoscenico.

Il taglio degli sprechi del loro stesso mondo lo fanno con le forbicine per le unghie, per il sociale invece usano la sega elettrica.

Scuola e Sanità si avviano verso un futuro di casta, cioè chi ha il danaro può avere tutto, chi non lo ha … peggio per loro!

Le auto blu, per quelle solo la cilindrata dei nuovi acquisti sarà limitata. Ma i voli di stato saranno limitati … forse… 

E le baby pensioni per loro, quelle guai a chi le tocca.

La Camera costerà nel 2011 un miliardo e non riuscirà ad abbassare questo tetto siderale né nel 2012 né nel 2013. Anzi, tra due anni, alla fine naturale della legislatura (sempre che ci si arrivi) costerà 74 milioni in più passando dalla previsione del 2011 di

1miliardo.070milioni.994mila.520euro,57centesimi

a 1.114.219.354 di euro. 

A quella data è destinato a pesare in bilancio soprattutto l'aumento dell'iperbolica cifra stanziata per i vitalizi dei parlamentari. Molti lasceranno il Transatlantico e non lo faranno a mani vuote. Lo stanziamento previdenziale passerà dagli attuali 138.200.000 a 143.200.000.

Oggi i deputati che prendono la pensione sono 1329 e 484 i familiari che godono della reversibilità. In totale 1813 persone che in media portano a casa 6352 euro mensili a testa.

Alla faccia di chi 6352 euro li prende in un anno intero di pensione e chi non li raggiunge neppure.

La proposta di abolire il vitalizio dopo solo 5 anni e' stata così (guarda video) accolta alla Camera: SI :  22    -   NO : 498.  Bipartisan ovviamente.

Il presidio medico interno alla camera costa 1 milione e 615 mila euro l'anno. Spesa indispensabile, a Roma infatti non ci sono ospedali.

politica,scuola,lega,finanziaria,casta,privilegiForse una normalissima “infermeria”, magari presidiata da un’infermiera non sarebbe sufficiente per quel gerontocomio che è la Camera! (A scuola in infermeria c’erano solo dei cerotti, un abbassalingua, un fagiolo per vomitarci dentro, e i bidelli o i professori che misuravano la febbre con il termometro di dotazione… per più di settecento persone, ma giovani o giovanili…)

Per non parlare dei servizi costosi ed efficienti di Montecitorio. Un esempio per tutti: i servizi di ristorazione e la spesa al mercato costano in tutto 6 milioni di euro.

Ed io che mi straccio le vesti se spendo più di 150 euro la settimana! (Un terzo in frutta e verdura).

politica,scuola,lega,finanziaria,casta,privilegi

Dulcis in fundo, dopo l’assunzione di una pillola per il mal di fegato, il mostro d’arrogante vuoto intellettivo, ma di elevate capacità adulatorie e servili, della min-pub-istr. si lancia nella “svolta epocale” per la maturità fatta a quiz dall’INVALSI.

Visto che hanno avuto un sucessone con le griglie di valutazione sbagliate di quelli delle medie di quest’anno, il prossimo vogliono toppare quelli della maturità.

Ma questa manica di smidollati chi li boccia?

M’è capitato di leggere su di un giornale che son diminuiti i bocciati nella zona “perché studiano di più”. Non perché gli insegnanti sono ormai alla frutta e promuovono chi sa scrivere il proprio nome e cognome senza errori. Tanto nelle condizioni indecenti in cui son costretti a lavorare di più non si riesce ad insegnare!

Intanto : “Rotondi dice no ai tagli dei privilegi “La gente ci detesta, difendiamo la Casta””

Finalmente uno che dice quello che tanti di loro pensano! E difendiamo anche dai processi in corso “the Boss”, visto che ci siamo, infilando nella “finanziaria” le norme bocciate a gran voce da quelle 

nullità degli elettori.

politica,scuola,lega,finanziaria,casta,privilegiPoi , per i sacrifici veri, rimandare tutto alla prossima legislatura, così “son ca… di chi ci sarà” intanto “noi” ci pariamo il c…!

Mah! più che cretini questi son delinquenti e la cricca una vera e propria società a delinquere, compresi quelli che strillano “Roma ladrona” e usano il potere per interesse privato e scopi chiaramente nepotistici.

 




5 dicembre 2010

NEPPURE L’INFERNO!

Mi si stanno letteralmente rivoltando le budella dalla rabbia.

In momenti così vorrei essere come mia nonna che “galleggiava” in una fede incrollabile e Anonimo_Inferno.jpgdemandava le punizioni all’aldilà.

Le punizioni dantesche sarebbero secondo me troppo dolci per quella manica di sepolcri imbiancati che dopo essersi battuti il petto tra i banchi di una chiesa formulano pensieri indegni d’un essere umano.

Ed il peggio è che non fai a tempo di smaltirne una che ne arrivano due di nuove.

Nel buio creato dalle luci dei riflettori puntati su quella ignobile pletora di avidi che popola il parlamento le grida indegne passano quasi sotto silenzio.

Accidenti! Bla! Bla! Bla!

Tutti pronti alla difesa dell’embrione o del dovere di vivere anche contro la propria volontà, tutti pronti a balaterare sull’iniquità delle scelte degli altri e poi..?

Poi se ne fottono ampiamente se con le leggi sul respingimento centinaia (pare attualmente 250) di eritrei, donne e bambini compresi, vengono ammazzati a bastonate ed abbandonati morto-nel-deserto.jpgnel deserto del Sinai (da Il Fatto Quotidiano).

Se ne fregano se gente nata sotto altri cieli muore di freddo e di fame sotto il nostro cielo.

Alcuni sono crudeli al punto da dichiarare che sono auspicabili «Campi di concentramento per i rom», che “Bisogna toglierli  (i bambini) alle famiglie appena nati se li vuoi cambiare, forse".

Si! Forse! Perché il discorso continua con un “bisognerebbe ammazzarli tutti”...

Per me sono i loro figli ad essere dei reietti. Crescere all’ombra di tanta intolleranza ne farà delle persone infelici, egoisti e senza cuore.220px-PortschyTobias.jpg

Ho trovato nel blog di Pino Petruzzelli   la lettera che, nel 1938, il Governatore della Stiria, Tobias Portschy, indirizzò al ministro nazista Lammers:

Corsi e ricorsi storici…

Per ragioni di salute pubblica e, in particolare, per la dose di accentuata ereditarietà a cui gli zingari sono notoriamente soggetti, (perchè essi costituiscono un gruppo di criminali inveterati che in seno al nostro popolo non sono altro che parassiti), conviene impedir loro di riprodursi, e sottometterli all’obbligo dei lavori forzati.

Gli argomenti a favore di una sterilizzazione zingara possono essere tacitamente sviluppati al punto di arrivare, con la sola legge per la profilassi contro la progenitura portatrice di malattie ereditarie, a prendere misure efficaci contro l’accrescersi della polluzione zigana. Dobbiamo servirci arditamente e senza reticenze di questa legge. Almeno, non daremo modo alla stampa straniera di lanciare alte grida, per la buona ragione che potremo sempre sostenere che questa legge per la profilassi contro la primogenitura portatrice di malattie ereditarie, è altrettanto valida per i cittadini del Reich tedesco. Così, i principi dei paesi democratici, secondo cui tutti devono essere uguali davanti alla legge, saranno pienamente rispettati.

In conformità del principio che in uno Stato dagli elevati costumi, e in particolare nel Terzo Reich, può soltanto vivere colui che lavora e che produce .

 

Ma non basta.  

 (ASCA) - Roma, 30 nov - ''Tra i tanti emendamenti al Decreto Sicurezza, una mendicante.pngproposta di modifica a firma Saltamartini e Piso (PdL) si preoccupa nientemeno che della intollerabile minaccia alla sicurezza del nostro paese costituita dai mendicanti''.

Legger quello che scrivono è “pura poesia”!

Il testo recita proprio :  "alle persone che, in modo ripugnante, arrecano disturbo ai passanti".

Che rischierebbero conseguenze pesanti: foglio di via obbligatorio, sorveglianza speciale, obbligo di soggiorno.

Perché sono questi “pezzenti” che attentano alla sicurezza della gente. Non tutta quella manica di figli di puttana che ormai ha trangugiato ogni risorsa del paese, che ha fatto della corruzione e della concussione un’arte, che è talmente tronfia e piena d’arroganza da mettere in dubbio anche la Costituzione ed i poteri del Capo dello Stato da essa previsti, …ma messi in discussione  “dal punto di vista politico”! Boh!  Visto che dice :  “Delle prerogative del Capo dello Stato ce ne freghiamo”   Certo che con tutti i procedimenti giudiziari che ci sono in ballo serve questo parlamento.

Poi vien fuori anche il razzismo campanilistico  :

_45702930_wanjiru416gt.jpg<< Padova. Lega: «Basta soldi alla maratona tanto vincono sempre i neri»… «atleti africani o comunque extracomunitari in mutande» dixit! >>

Se t’incontrassi io vedresti come la medaglia d’oro sarebbe tua deficiente!

Mai caduti così in basso.

 

LO SAPEVATE CHE…

·     Italia rifiuta i Canadair agli israeliani: aerei fermi, piloti da mesi senza stipendi

·     Il silenzio è d'oro

E dal blog di Slasch

So con certezza che per fare un uomo ci vogliono vent'anni, per fare un pirla bastano pochi minuti.”          DATEGLI TORTO!!!




13 settembre 2010

Per me Miglio si rigira nelle tomba!

 

 Sono sufficientemente vecchia per ricordare la “filosofia” che il “Profesùr” progettava per la sole-delle-apli-300x225.jpgLega  Lombarda negli anni ’90, e le motivazioni della sua  rottura con un partito che non lo rappresentava più.

In questi giorni penso che si stia rigirando nella tomba.

Mai e poi mai, ne son convinta, avrebbe voluto il suo nome su di un edificio scolastico in cui  la cultura viene piegata ad un esteriore servilismo politico.

La sua mente di studioso avrebbe certamente condannata la profonda grettezza di gente che mostra orgoglio nel proclamare idee profondamente razziste non solo nei confronti di chi professa altre religioni o appartiene ad altre culture, ma anche di chi, pur discendendo dallo stesso ceppo genetico, esercita un pensiero divergente, anzi ormai contrapposto.

sidaco adro1.jpgNell’ascoltare i loro discorsi deliranti, nel vedere le loro espressioni tronfie penso che se la mia vita vale quanto le loro allora conta assai poco…

Naturalmente  “madre Mariastella” (la regina del vuoto cerebrale e della sensibilità unidirezionale) concede la sua benevola benedizione, in collaborazione con un paio di prelati, “in nomine pecunia elargitionem et  privilegi confirmationem”.

Salvo poi, nella ormai consolidata consuetudine del suo protettore politico, smentire l’approvazione già espressa.

Personalmente suggerisco agli organi competenti di trasformare l’istituto onnicomprensivo in “scuola privata paritaria”, con annessi  e connessi, comprese le spese degli stipendi dei docenti, tanto beccherebbero le varie sovvenzioni che vanno alle private dopo essere state sottratte alle pubbliche.

sabato fascista.jpgSarebbe comunque un risparmio per lo stato e gli sponsor privati potrebbero farne la scuola di regime che desiderano… compresi i grembiulini verdi con il sole delle alpi sul taschino ed il “sabato leghista” obbligatorio.

Se ci aggiungo poi la “puttanata” del precariato riassorbito in 6 o 7 anni mi viene voglia di infilare la testa della suddetta nel forno.  (Nell’attesa i precari possono mangiare aria fritta, ‘che il governo ne elargisce a piene mani)

Classi di 30 e più allievi.. ne ho già parlato, da spararsi!

Aule incapaci di contenere la “folla” alla faccia delle norme di sicurezza previste per legge… ne ho già parlato.

Quella faccia di tòla  con compunta tristezza, alla disgrazia di scuole che crollano sulla testa crollo_rivoli01g.jpgdei ragazzi, annuncia di somme insufficienti per quelle di una sola città da destinare alla messa in sicurezza di quelle di tutta Italia.

E il suo compagno di tagli intanto pensa a come fottere la 626 (legge sulla sicurezza negli ambienti di lavoro, scuole comprese). A proposito, nei laboratori chimici degli ITIS è obbligatoria la presenza di 3 persone per garantire la sicurezza dei ragazzi. Con i tagli del personale sai qual è la soluzione?laboratori_chimici_1.jpg Laboratorio “orale”, cioè il prof descrive o mostra l’esperimento e i periti chimici le “cazzate” le faranno sul posto di lavoro, perché è compito del laboratorio scolastico insegnare ad evitare pericoli ed errori.

E’ una discesa ripida che finisce in un fosso pieno di… !

 

 

Dal mio diario..

“Bocciato.” …  “No!.. scrivete Non Promosso!”

Paradossi nella scuola dal Diario di una prof.

 Giovedì 14 settembre

Il 12 hanno iniziato l’anno scolastico le classi Quinte.  C’erano anche

i “miei” ragazzi e li ho rivisti con piacere. Sono sempre “loro”, allegri, vivaci, pieni di voglia di vivere, negli abiti estivi così casuals e colorati.

Il Preside li ha riuniti per un discorso di presentazione.

 Mi è parso che lo subissero più che ascoltarlo. Forse sono solo poco abituati al suo formalismo cordiale utilizzato per il primo contatto, o forse sono già disincantati ?

Ci sono sempre i soliti problemi di ogni inizio d’anno:

Cattedre : “…chi è quel fesso che le ha fatte?...  Logica e senso dell’opportunità non sono il suo forte” è il commento imperante.

Disponibilità : locali disponibili e docenti indisponibili, tanto per cambiare!. Ecc. ecc.

Parliamo d’altro……….. ma altro non esiste! Tutto affoga nella massa fluida delle urgenze del presente.

Il 13 sono entrate le prime classi dell’IPSIA.

Formalismo, cortesia, immagine. I genitori presenti sono stati accolti dalla Vicepreside e da me in attesa del Preside che ritardava. Non mi è difficile prendere la parola. So esattamente cosa vogliono sentire i genitori dei primini, quindi lo dico, e vorrei che la realtà fosse tale…ma.. c’è sempre quel maledetto “ma” di mezzo.

Oggi 14 settembre sono entrate, con le prime ITIS,  anche tutte le altre classi, un maledetto errore.

E’ successo un macello!

-        “prof. Perché non si può parcheggiare dietro?”

-        “prof. Io non sono in elenco, che devo fare..”

-        “prof. In che classe dobbiamo andare?”

-        “perché devono venire in laboratorio? Voglio l’autorizzazione scritta altrimenti non li faccio entrare!”

-        “hai visto la circolare n°9?!”

-        “hanno preso i registri di…”………..

Ho fatto lo slalom tra i ragazzi, ho dato risposte ed organizzato la disorganizzazione, ho coperto le classi scoperte, …poi mi sono rifugiata nella sala riunioni, e dico proprio rifugiata, per accogliere i “Miei” primini.

Il preside aveva quasi terminato …pochi minuti e li ho portati in classe, la loro classe.

Finalmente nel mio “territorio”, perché questi sono gli incarichi che non mi spaventano, accogliere i ragazzini di I° C, spaventati, a disagio, seduti in punta di sedia e vicino agli amici.

Quelli che non conoscono nessuno si guardano intorno con imbarazzo, ma non sembrano troppo impauriti, in fondo gli insegnanti sono sorridenti, coinvolgenti, ..( ad esclusione di pochi).

Cominciamo con l’intervista a coppie ( ogni ragazzo deve porre delle domande, preparate da noi, al compagno di banco, poi ognuno dovrà riassumere alla classe le informazioni ricevute , per dare una prima immagine a tutto il gruppo). E’ un successo, le coppie di amici sono state divise e i ragazzi, dopo un primo imbarazzo, hanno cominciato a discutere e fare nuove conoscenze.

Dall’analisi delle risposte, l’istituto tecnico si conferma nell’immaginario collettivo come una scuola di seconda scelta, per quella parte di ceto culturalmente elevato, che preferisce i licei, o, comunque la scuola privata confessionale, reputata più “seria”.

La buona percentuale di laureati , nostri ex allievi, li smentisce, ma la “diffamazione” è dura da demolire.

Alla domanda riguardante la ragione della scelta di questo tipo di scuola, la risposta prevalente è stata : “perché mi permetterà di trovare un buon lavoro, visto che non penso di continuare dopo..”, oppure “perché mi piace smontare il motorino”.   

Solo uno in tutta la classe pensa di continuare con l’università.  Invece la maggioranza (o almeno la metà) continuerà gli studi dopo i cinque anni.

Certo che facciamo un buon lavoro….. prendiamo degli adolescenti, spocchiosi e demotivati e riusciamo a farne dei tecnici decenti, motivandoli e trasmettendo loro  anche una parte del valore dell’istruzione.

Hai detto niente! Fallo capire a quei palloni gonfiati che predicano bene senza sapere di cosa stanno parlando. Fallo capire a tutti quelli che dicono che gli insegnanti non fanno niente. Poi spiega ai vertici dell’istruzione che l’industria non funziona con la letteratura, ma con tecnici preparati , con una ben formata mentalità scientifica.

Per “cultura” si dovrebbe intendere anche “scienza” oltre che “letteratura” (senza che comunque l’una escluda l’altra se non vogliamo fare dei monocoli in questa terra di cechi).

Ieri ho incontrato i ragazzi di V°. Sono sempre i soliti, vivaci e disordinati, ma l’esperienza mi ha insegnato a tenerli a freno con scadenze (verifiche) molto ravvicinate.

Come collaboratori, alla fine della giornata, abbiamo chiesto al Preside di limitare i nostri compiti, ed io ho sottolineato che faccio anche lezione a tempo pieno, a differenza degli altri…

Chissà se gli importa della cosa.. la mia impressione è negativa, fermo restando che, anche per età,  sono sicuramente la persona con più esperienza e ho capacità organizzative, a lui basta che “la corte” si riunisca e lo sostenga nelle sue idee ….. che sono almeno due anni luce in ritardo rispetto alle mie! Vedremo…….

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega scuola gelmini precari

permalink | inviato da AnnaSerenity il 13/9/2010 alle 18:21 | Versione per la stampa



5 agosto 2010

COSA C’E’ DENTRO AL CRANIO?…

 

La domanda posta ha una ragione che esula dall’interrogativo “Cos’è l’Intelligenza?” che Monkey2.jpgspesso mi sono posta. Il dubbio ora è più profondo. 

Si sprecano le volte che per semplice battuta ho sostenuto che nella “crapa” di qualcuno c’erano solo tre neuroni: uno per il sistema respiratorio, uno per quello cardiaco ed il terzo per quello idraulico.

Invece questa volta ho la necessità di capire come l’evoluzione della società porti alla modificazione della capacità d’attenzione e d’interesse per i fatti, con la conseguente banalizzazione degli stessi.

Tutto nasce dalla pubblicazione su Facebook di un link : “Afghanistan, la guerra delle donne Fuggono per andare a scuola “, con l’indicazione “ Da Leggere Fino In Fondo, Per Favore...”

Unico commento è stato quello di un mio ex allievo che ha scritto: ” Troppo lungo..”.

burka2.jpgEd io che volevo con questo scritto  trasmettere due messaggi, uno sulla condizione femminile allo stato peggiore di quanto pensabile, l’altro sull’importanza che la conoscenza ha nel progresso umano, percepita da chi è privo anche della libertà di essere, come riscatto alla propria individualità.

Ma la capacità odierna di attenzione non sopporta lettura più lunga del classico messaggio.

ivanhoe2.jpgForse viene anche a mancare l’idoneità a comprendere un discorso complesso. (Anni orsono qualcuno mi disse che Ivanhoe (romanzo storico di Sir Walter Scott) è un libro “difficile”!).

Il problema è che è proprio questa la gente che non è in grado di comprendere di essere strumentalizzata da chi senza scrupoli li usa per suo tornaconto.

E’ questa la gente che finisce per applaudire certe sbruffonate del tipo:

  «Vogliono bloccare il federalismo, la Padania esploderà. Stato delinquente»  <<…Le nostre famiglie sono schiavizzate da uno Stato delinquente che ha pensato a portare via risorse… Attenti alla gente del nord, attenti a non rompergli troppo i coglioni più di tanto...>> dette da Bossi alla festa della Lega Nord di Arcene (Bergamo).somaro!.jpg

Detto, guarda caso, da chi è ministro dello Stato Delinquente!... è un vero delitto di stato!

E poi deborda con il  <<…venti milioni di italiani pronti a seguire la Lega.  >>.

Ventimilioni? Ma questa è ignoranza o megalomania.

Gli italiani sono 60.045.068 (dati  istat.it  2009).

Di questi 10.198.955 sono minorenni e 8.180.311sono ultrasettantenni.

Allora vorrebbe dire che su 41.665.802 cittadini poco meno della metà, donne comprese, son pronti “alle armi”?

La conosco bene questa gente che applaude.

Arcene è ad un tiro di schioppo da dove abito.

E’ brava gente. E’ un popolo geneticamente modificato da un passato di “fame e povertà”. E’ Edu31.jpgil popolo dell’albero degli zoccoli. Nelle cascine si toglieva solo un litro di latte da quello munto per famiglie di sei o otto persone per poter vendere il resto. E si mangiava polenta e latte con il cucchiaio bucato.

Ma allora la povertà era forzatamente anche culturale, perché le braccia servivano nella campagna.

Oggi non è più così. L’industrializzazione ha portato ricchezza. Ma la cultura rimane secondaria per la maggior parte.

E allora se c’è la crisi e qualcuno grida “colpa di Roma ladrona” rispondono “E’ vero!”

E se qualcuno dice che sono i “terù e i nègher” che rubano il lavoro, alzano i pugni al cielo e dicono : “è vero”.

Ma chi è che fa parte del governo “delinquente” nella “Roma ladrona” e giustifica la sua rapacità con il vessillo di un federalismo che gli garantisca maggior potere in loco?

E questa brava gente ci casca come una pera matura.

E viene ripagata con le nuove imposte comunali che colpiranno certo chi, magari per dare unEmpty_Pockets.jpg tetto in futuro ai propri figli, ha comperato una seconda casa, e chi guadagna quindicimila euro al mese o più non paga nulla sulla prima casa (era meglio la normativa precedente con il rimborso dell’Ici sulla prima casa in base al reddito con la dichiarazione annuale). Tanto per non mettere le mani in tasca agli italiani..

E chi ha miliardi di euro investiti in borsa, quello non è toccato!

Siamo alle solite… il ladro di mele in prigione e l’arricchito dal falso in bilancio depenalizzato, il corrotto che danneggia più della pestilenza, il colluso condannato ma prescritto… fuori a far altri danni!

E la donna ricacciata nel suo ruolo di fattrice e schiava viene costretta ad abbassare la testa, pena la morte. 

E la donna viene offesa nella sua dignità  da una società che,  con un ritorno al maschilismo puro pre sessantottino, ha come esempio  un satiro alla direzione del governo e molti sciocchi che lo affiancano e lo assecondano per puro interesse.

Ecco cosa c’è dentro al cranio di questa gente…

Immagine.JPG

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo lega bossi donne uomini

permalink | inviato da AnnaSerenity il 5/8/2010 alle 18:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



9 aprile 2010

E’ PERICOLOSO GIOCARE CON IL FUOCO

 

Fire_Fighter_-_Cartoon_1.jpgE’ pericoloso giocare con il fuoco specialmente se i cerini li porta un piromane.

E di piromani, dinamitardi e teste vuote riempite di alcool, i novelli “amici” del Shùr Parùn menegnino ne hanno pure troppi! Anzi, li hanno selezionati geneticamente, ed ora sarà ben difficile evitare che dian fuoco ad ogni cosa impedisca il loro cammino.

«Se non ti dimetti uccideremo te o un familiare» minacciano da Venezia… la culla privilegiata dello “spirito autoctono” e del federalismo inteso come autonomia.

Che siano veneziani gli autori della minaccia si evince dalla firma, che è dei «Cavallieri d'Italia Veneto - Friuli - Venezia Giulia» in cui “cavallieri” è scritto con due elle, errore ben noto per tutti i dialettofoni veneti, tant’è vero che mia madre si chiamava Evellina con due elle per un errore anagrafico.Che siano “geneticamente particolari” lo si evince dai commenti dell’ex(?) ministro Zaia al Dancer_-_Cartoon_2.jpgVinitaly:

«Gli incidenti non sono causati dall'alcol». L'invito di Zaia è chiaro: «Bevete due bicchieri di vino e state tranquilli…».

Infatti ! non è l’alcool che causa l’incidente, ma l’ubriaco al volante! Pirla !

Mai sentito parlare di enzimi che metabolizzano l’alcool? E che sono assenti prima della maturità biologica? E che si formano in quantità diverse a seconda delle abitudini alimentari?

Un sorso di spumante a me rende il passo instabile visto che sono astemia.

«E poi (continua) visto che ci siamo, bevetevi anche una buona grappa, perché comunque rappresenta per noi un grande ambasciatore, un grande biglietto da visita internazionale. ».

Tanto per rendere meglio alla guida! Ma li hanno proprio selezionati con il metodo dei quiz : se rispondi esattamente a più di due domande sei scartato!

Prepariamoci a compilare il rosario con le perle del secolo…

Intanto come le bolle nell’acqua sul fuoco, che vengono a galla prima lentamente e poi sempre più numerose, cominciano ad emergere le “perle” del pensiero estremista dei padani:

Baby_with_Jar.jpg23 marzo Vicenza Bambini a pane e acqua Il sindaco sotto accusa” e 8 aprile Adro in provincia di Brescia Brescia, i genitori non pagano la retta e i bambini vengono cacciati dalla mensa. …..È stata la rivolta degli italiani”. Con queste parole il sindaco leghista di Adro Oscar Lancini, ha spiegato in serata perché si è arrivati a non tollerare più la morosità nel pagamento delle rette della mensa, gestita da un’associazione di genitori.

Genitori… adulti… Ma in quale mondo vogliono far crescere i loro figli? In un mondo che non rispetta il proprio futuro, in cui non c’è posto per la generosità, per la giustizia, per l’amore?

Accidenti a tutti loro!

Quello che non ho sentito dire, o trovato scritto è che non si toglie il pane di bocca ai bimbi, non si torturano i figli per piegare i genitori! Si! Perché è la stessa cosa!

Sindaco del menga, associazione del cavolo, consiglio comunale dell’accidenti, prenditela con gli adulti! Sequestragli il televisore, la macchina, il motorino, ma non prendertela con i bambini! Che colpa hanno loro se son nati figli di nessuno anziché figli del sindaco?p002_0_01_1.jpg

Ora neghi loro il pasto, mentre altri stanno brigando per  negare loro la possibilità di costruirsi un futuro migliore, e poi rompi i coglioni con l’aborto?

Neghi la vita che c’è mentre alzi la bandiera di difensore di quella che non c’è ancora? Che senso ha far venire al mondo chi poi dovrà sentirsi discriminato?

 Per cinque anni un piccolo comune del bresciano ha penalizzato i bimbi immigrati … Scuolabus, gli stranieri non hanno diritto alla riduzione” (da Il Fatto Quotidiano del 9 aprile)

Quelli degli immigrati non sono bambini per certa gente, son diversi, hanno altra lingua e cultura, ed allora discriminiamoli così se ne vanno e non rompono i torroni nelle nostre scuole… ed il ministro della Pubblica (D)istruzione non solo approva, ma sottoscrive!

Il peggio è che sta per diventare mamma…

Le auguro un travaglio doloroso e una depressione post partum da sbattere la testa al muro, mentre auguro al nascituro di somigliare ad un membro migliore della famiglia ed una vita serena, visto che i genitori non possiamo sceglierli.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega venezia bambini belusconi zaia padani

permalink | inviato da AnnaSerenity il 9/4/2010 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



14 settembre 2009

SONO MENO CHE NIENTE..

 Ho la bocca dello stomaco chiusa dalla tristezza e dalla rabbia.
Quelle immagini, quelle parole, la profonda ingiustizia e crudeltà del comportamento umano di esseri che non possono esser chiamati uomini, maroni1.jpge neppure bestie, perché neanche le bestie si comportano così.
Quello scarto dell’umanità che pontifica tra gli applausi e gonfia il petto per il successo dei “respingimenti” e dell’accordo con uno stato in cui non esistono diritti civili per i cittadini, figurarsi per i clandestini!
Quei volti ormai consueti che ghignano proferendo parole xenofobe.
L’inchiesta svolta da “PRESADIRETTA”(link) dal titolo “Respinti” sconvolge le coscienze, almeno di chi le ha.
In un articolo Libia, la “soluzione finale” Furio Colombo ne riporta dei brani :
refugee.jpgUn laccetto di cuoio bagnato, stretto al collo del prigioniero, incatenato e abbandonato al sole per un giorno. Il sole asciugherà gradatamente il laccetto di cuoio, portando al soffocamento. Dipende dall'ora in cui si ricordano di liberarti, dipende dai tentativi folli di liberarti da solo se la sera ti raccolgono vivo per ributtarti nella cella senz'aria e senza luce, tre metri per tre, dodici o quindici persone o se buttano un altro corpo di clandestino consegnato alla Libia nella fossa comune, nel deserto intorno al centro di detenzione infinita di Cufra.
…Un bastone dietro le gambe, all'altezza delle ginocchia. Ti forzano a tenerlo con le mani legate, restando però piegato, ma in piedi. Finché resisti. Poi cadi come capita: di faccia, di schiena, di fianco e resti abbandonato sotto il sole – vivo o morto – fino alla notte.
…E poi quelle voci che gridano l’indifferenza alla morte in mare o in prigione..
donna respinta.jpgMa con quale moralità si possono arringare le folle ad atteggiamenti privi d’umanità?
Con quale faccia si possono dire cristiani tutti coloro che applaudono al mandare verso un nuovo supplizio persone inermi e già private dal destino di nascita di un loro diritto fondamentale : la libertà ?
Quando nelle chiese si batteranno il petto per i loro stupidi peccati non si pentiranno per aver mandato alla tortura, allo stupro, ai commerci peggiori possibili tanti esseri viventi solo per puro egoismo?
La risposta è logica : “no”.
No perché incapaci di vedere oltre il loro interesse.
No perché, saturi del veleno dei luoghi comuni, vivono ebri della musica suonata dai loro pifferai.
No perché ignoranti della realtà nascosta dai detentori dell’informazione popolare, che snobba o nasconde volutamente inchieste come “Presadiretta” o “Report”, e vende lustrini e pajettes e falsi miti.
Ormai la bassezza non ha più confini :
Dal Corriere della Sera, 1 settembre, Marco Nese,
Giornalista: La Comunità Europea è contraria ai respingimenti. Dice che bisogna prima verificare se i migranti sono clandestini o rifugiati.respinti2.jpg

Gasparri: Ma questo è un discorso assurdo. È sensato pretendere che un equipaggio militare blocchi un gommone e si metta a chiedere ai migranti: “Voi chi siete? Da dove venite ? Avete diritto all'asilo o no? Ma scherziamo! Sarebbe come trasformare le navi militari in ambasciate in alto mare. Bisogna riportare le persone sul territorio libico dove c'è l'Alto Commissariato che effettua tutti i controlli. (Sembra quasi che non sappia che i controlli sono dolosamente rari e poco efficienti.)

No! Un equipaggio militare deve ubbidire all’ordine di togliere dai coglioni di un parlamento in cui prevalgono esseri senza scrupoli e senza morale, donne, bambini e uomini che non hanno neppure la forza di respirare, restando indifferenti al dolore che questo potrà provocare, e al grido per l’ingiustizia loro imposta che nasce dalle loro coscienze.
lacrime1.jpgLe lacrime ed il cordoglio quei tristi figuri le conservano per le telecamere, per quegli eventi mediatici finalizzati alla truffa da perpetrare nei confronti della gente che deve continuare a sostenerli, mentre con mano ferma affogano chi non serve loro.

NON C’E’ DA STUPIRE SE…

- «La Padania sarà libera con le buone o con le meno buone». Lo ha detto Umberto Bossi
- «Padania libera!». Così il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha urlato in apertura del proprio intervento dal palco della festa dei popoli padani della Lega.

- Padova. «Non toccarmi, sei negra», paziente insulta infermiera di colore. Opumbertobossi1.jpgeraio di Portogruaro ricoverato al Centro ustionati inveisce contro la donna che lo sta medicando.

- Venezia. «Mentre mi bastonavano urlavano albanese di merda”» L'albanese picchiato racconta: «Erano in 8, vestiti di verde»

- Treviso. Muraro: «Il Meridione succhia il nostro lavoro» Il presidente della Provincia: «Sono contro chi fa concorsi qui e poi si trasferisce. Razzismo? No, tutela del territorio»

- Piazza del Popolo, pugni e calci perché veste strano Rissa tra "alternativi": emo picchiato da truzzo

- Avellino, calci e pugni a due fidanzatini da banda di sedicenni: volevamo divertirci




22 agosto 2009

SELEZIONE GENETICA

 La natura nella sua evoluzione compie una selezione degli individui di ogni specie in modo sempliceMonkey2.jpg e logico. Usa come “filtro” la sopravvivenza fino all’età riproduttiva che serve alla propagazione della specie.
Negli ultimi cento anni c’è stata una selezione genetica importante specialmente in Europa, e la popolazione umana che popola le nazioni di questi tempi è il prodotto genetico di tale “rivoluzione”.
I sopravissuti agli eventi, che dunque hanno potuto tramandare i loro geni si potrebbero raggruppare in gruppi omogenei :
1°. Elementi con inserito nel codice genetico un gene speciale che conferisce la capacità camaleontica di camuffarsi adattandosi all’ambiente. Qualunque sia il vincitore si canta il suo inno pur di trarne vantaggio.
vampiro.gif2°. Elementi con genetica di tipo vampiresco. La loro linfa vitale è il potere. La loro morale è l’assenza completa di morale. Nulla è disdicevole se finalizzato ai loro scopi. Vengono spesso definiti “figli di puttana”.
3°. Elementi con un gene che conferisce alla loro struttura ossea la duttilità della gomma facendone dei veri e propri artisti della contorsione. Riescono a passare indenni attraverso qualunque sconvolgimento sfruttando pertugi creati ad arte. Riescono perfino a ricrearsi una verginità da offrire come merce di scambio.
4°. Elementi con evoluzione della corteccia cerebrale “ferma al giurassico”, cioè legata solo pirla2.jpgall’istintualità. Hanno capacità logiche e di rielaborazione dei concetti di livello elementare. Talmente istintivi da riprodursi anche in condizioni sfavorevoli, (drogati dalle tecniche riproduttive le praticano sempre e comunque, senza distinzione di sorta, anche in assenza di partner come gioco di società).
5°. E per rispetto della statistica, elementi normalmente dotati, con una normale capacità di logica, con una morale più o meno definita, con disgustata tolleranza per le specie precedenti.
Ad un’osservazione attenta si può osservare che :
- Al primo gruppo appartiene una massa fluida, che per le caratteristiche dette è difficilmente identificabile, salvo a valutarla dopo ogni elezione, ma basta una virata del vento e tutto può cambiare.
- Al secondo e terzo gruppo appartengono i politici ed i loro amici, banchieri, costruttori, faccendieri, eccetera.
- Al quarto appartengono quelli della Lega, naturalmente per logica statistica non tutti i leghisti son così e, specie nelle alte sfere di partito ne vedo tanti del secondo e terzo gruppo.
Si, non posso certo individuare un corretto sviluppo cerebrale in chi lancia in facebook un giochino che fa “rimbalzare indietro” il clandestino. Ha lo stesso “sapore” di quel videogioco che dava i punti al guidatore se “faceva fuori” il pedone.
Assoluto vuoto di sensibilità!
Assoluta mancanza di considerazione per la dignità umana.
Quel deficiente che lo ha inventato non tiene in alcun conto la capacità di assuefazione alla crudeltà che è caratteristica della fase evolutiva dell’essere umano. Quella crudeltà che fa di tanti, troppi ragazzi dei “bulli”, per non dire dei delinquenti quando eccedono come nel bruciare un uomo che dorme sulla panchina.
Prima si istiga. Poi si grida allo scandalo. Idioti !!
Il clandestino, l’extracomunitario, l’homeless, non è che un ammasso di stracci, un sacco d’immondizia sul bordo della discarica, un oggetto inutile da abbandonare nel mare, meglio se morto così si ricicla prima.
mediterraneo w.jpgIn quel mare tanto piccolo e tanto grande, in cui ogni stato ha voluto stabilire i propri confini, ma in forma fluida, semplice da spostare quando occorre, così che sia facile dire “non spetta a me” quando c’è un problema, o “qui comando io!” quando c’è da guadagnare.
E le pastoie burocratiche pesano sulla coscienza degli uomini più della vita degli altri uomini.
E la pietà è diventata un lusso per molti.
E l’indifferenza è insegnata anche da un videogioco.
Mi chiedo a questo punto a che specie genetica appartenga io..
..Io sono un errore genetico. Uno di quegli errori che anche la natura fa e che si propaga per pura casualità, nel rispetto della statistica.
Sono un errore genetico perché ho un cervello capace di pensare, un istintivo senso morale e della giustizia, e, soprattutto, ho un cuore che mi fa partecipe del dolore e dell’infelicità anche degli altri.

LINK : Fortresse Europe




16 agosto 2009

“..ALABARDA SPAZIALE !.. “

 gold3.jpg“ Alabarda Spaziale Contro le forze del male!!!”
Indimenticabile esclamazione del mitico Goldrake nel cartoon “UFO robot”..
Ora mi trovo un Goldrake nazionale, certamente meno imponente dell’altro, ma non meno “colorato”, che “lotta contro le forze del male” (“Berlusconi: ..«Pronto un progetto a lungo termine contro le forze del male».” ) incarnate in chiunque non sia dalla sua parte, nella sua guerra privata per la difesa degli interessi suoi e degli “amici”.
In più di trent’anni che son passati son certo cambiate le armi.. ed anche gli antagonisti.
Lui è talmente impegolato con l’avversario che dovrà scegliere bene la strategia per non morire con esso. Sicuramente continuerà a ricorrere alla solita magia del “chiudete gli occhi e pensate che tutto vada bene” che ammalia gli italioti. E beatamente contornato da figure servili che si cibano degli avanzi che vengono loro lanciati, ed in cambio dei quali dicono sempre “si, si”, continuerà a credere di essere “l’Idolo” per antonomasia.
Porca Vacca! Intanto per pararsi il lato b sta begando per far fare le carceri private. Così se tutto andasse male nel futuro, visto che certo nella costruzione e gestione delle struttura ci infilerà “ zii e cugini”, una bella “Casa Circondariale Certosa on the sea” potrebbe salvargli la pensione.
Certo che… tra il Goldrake nazionale ed il Sènatùr siam messi di lusso!
I soliti ignoti “tanto per no restar à sèco de casàde” (tanto per non restare privi di scemenze) per mezza bocca di “Lui” continuano con la storia dei dialetti da insegnare a scuola tramite le canzoni popolari come “gli ha suggerito la moglie maestra elementare”. Sinceramente vorrei sentire come parla il varesotto la signora Manuela, agrigentina doc.Bossi medio.jpg
Poi con quali canzoni?
Con NOTER DE BERGHEM (video) (testo con traduzione), ma è solo strettamente territoriale. Meglio con la “ Bernardona” , quella che dice (e non ci penso neppure a tradurla!)
O siate benedetta, Bernardona,
alza li gambi e mostrami Verona,
mostrami Verona affatto affatto
ch'io ti farò veder Bernardo matto;
Bernardo matto ch'i' ho l'è 'na brutta bestia
che in tutti i büs al gh' völ mettar la testa.
Non digo minga i büs dalli murai,
ma digo quelli ch'è sota li patài.
Così uniamo l’utile con il dilettevole, dialetto ed educazione sessuale! Ed il “celodurismo” può trovar così culla nello stesso sistema educativo.
Eppure ci son ben altri orizzonti da guardare.
Quello della guerra, per esempio. Perché siamo in guerra, non in “missione di pace” come dicono. Basta leggere : “La pericolosa onestà dei ministri italiani” , “Attacco al cuore della Kabul occupata” , “Afghanistan: più truppe straniere, più mine, più morti civili. Parola di esercito Usa(video)”.
Ma è meglio distrarsi con puttanopoli e dintorni.
ishr-burka.jpgAnche se poi, a proposito di come vengon trattate e si fanno trattare le donne, ci si ritrova a pensare di come non sia ancora maturata nel mondo la consapevolezza della pari dignità tra i sessi. Il potere è saldamente nelle mani degli uomini, sia quello laico che quello religioso. Il medioevo non è ancora finito, e gli uomini sfogano sulle donne i loro peggiori istinti :Afghanistan, in vigore legge che calpesta i diritti delle donne”.
E se non c’è credo c’è la convinzione dello scambio di favori. E se non c’è neppure questo allora c’è l’assurda pretesa del “possesso” per amore.
Dio Santissimo! Io sono donna e sono un essere pensante che la natura ha fatto capace di intendere e volere, di scegliere quello che è meglio sia per me che per la sopravvivenza della prole. Ma questo è proprio questo che fa paura.




7 agosto 2009

TRA BREVE IL PASSAPORTO…??

Ovvio, logico, conseguente!!!
Inno di Mameli : “ Fratelli d’Italia,.. L’Italia s’è desta , dell’elmo di …”…
”Ta ricordes mia de chi l’èra el elmo?”..
“ Mi mè pàr che l’era de l’Alberto da Gjussan.. “…giussano2.jpg
“Ah! me parès!!, se poedes no (non si può) pensar che l’era de quel tèrù del Sipio, che se no ma ricordes mal ‘l era anca nègher! (se non ricordo male era anche di colore) ”
Conversazione ipotetica , ma non lontana da una realtà locale di gente che vive di stereotipi e si nutre dei fantasmi sbandierati da opportunisti senza scrupoli.
Ogni sorgere del sole porta alla luce vecchi proclami, antiche grida propagandistiche, necessari a mantenere viva la fede nel partito. È molto simile al tifo sportivo, questa necessità di bovina sottomissione all’immagine. Si arriva al paradosso di dipingere il simbolo sulle finestre della casa, o al desiderio di SoleAlpi.gifpersonalizzare le scarpe da ginnastica con il logo della “Padania Libera”..! ( La Padania Libera non corre in Nike ).. E alla risposta negativa della ditta produttrice, si imita l’alta scuola delle “raccomandazioni a non..” acquistare con un perentorio : «Al nord non bisognerebbe più comprare le scarpe della Nike» !!
Perché dunque stupirsi se si auspica una modificazione dell’art. 12 della costituzione, quello della bandiera? Si, il simbolico drappo che rappresenta i popoli, quello che con «il bianco neve delle alpi”, “il verde l'erba tricolore.jpgdei lombardi piani”, “il rosso le fiamme dei vulcani” I tre colori della tua bandiera non son tre regni ma l'Italia intera. » (Francesco Dall'Ongaro, Garibaldi in Sicilia, maggio 1860) che rappresenta da più di un secolo l’Italia unita, ed ora dovrebbe essere “affiancata” dai drappi con i simboli identitari regionali ("Bandiere regionali accanto al Tricolore").
Sai che casino! Ogni manifestazione ufficiale con le sue regole.
Ancora una volta “aria fritta” ad uso e consumo di chi pensa con il cervello degli altri. Perché è sempre più facile lasciarsi imboccare da chi si pone in posizione “illuminata” che usare il proprio pensiero per discernere.
Questa strana esistenza gestita da uomini che vogliono imporsi, che vogliono gestire la vita di tutti e legiferare la sudditanza femminile.
India, giusto che le suocere picchino le nuore la Suprema Corte Indiana dice che “Le suocere hanno ragione, le nuore si mettano in riga: il mondo non funzionerebbe se alzassero la testa.” Burka_immondezza1.jpg
E le donne abbassano il capo, accettano le usanze, si mimetizzano con la spazzatura solo per la colpa di essere capaci di mettere al mondo figli. Quei figli che non esistono ancora, difesi ad oltranza con gli scudi levati contro la pillola abortiva, da “difensori della vita” che, da uomini, invocano il loro diritto di scelta su quella delle donne.
Questa è la realtà.
Una realtà in cui diventa quasi normale che ci siano donne che per vivere una vita luccicante accettano di vendere se stesse. Nulla importa di ciò a chi in pieno delirio d’onnipotenza rischia il «Reato di mercimonio di pubbliche funzioni» “, nulla importa del pietoso spettacolo che viene registrato come un Siamo alla libidine geriatrica" . Importa solo la sensazione di potere e supremazia che deriva dal Fashion-20246.jpg“possedere biblicamente” la femmina, la quale deve essere grata dell’attenzione e attendere a mano tesa l’obolo delle luci della ribalta.
E allora..
Il Nord, il Sud, chi “va a laùrà” chi “ tene à fàticà”, chi “nun tène manco ù pane” e chi “ l’à minga dà mangèr”.. lingue diverse , problemi uguali. Ma innescare una guerra tra poveri può offrire tanti vantaggi, primo tra i quali quello di nascondere dietro la cortina fumogena nuove ruberie, nuove sopraffazioni e seppellire gli scandali sotto l’indignazione.

strillone2.gif

ULTIME NOTIZIE

"Sabato 8 agosto entra in vigore una vera e propria rivoluzione per la sicurezza stradale. Multe alle stelle per infrazioni notturne Via i punti dalla patente per i ciclisti e sequestro dell'auto per chi ha l'assicurazione falsa"
Come faranno a toglire i punti a chi la patente non l'ha e gira in bici come ad esempio i ragazzini ? Bhè potrebbero toglierli ai papà !

"Berlusconi "eroe" del gasdotto?La "sorpresa" della Turchia
Una fonte del governo turco rivela il retroscena della firma dell'accordo South Stream"Il premier ha chiamato: voleva partecipare alla cerimonia. Putin e Erdogan hanno sorriso".."E' il tipo di cosa che può causare un problema diplomatico. Ma siccome si trattava di Berlusconi, ha solo fatto sorridere i due leader. Figura di.. n° ..?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tricolore padania donne nord sud lega

permalink | inviato da AnnaSerenity il 7/8/2009 alle 12:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



30 luglio 2009

CAZZATE A RAFFICA..!

 Dopo la splendida boutade della Lega: “test di dialetto per prof” immediatamente corretto in "Ma non c'è l'esame di dialetto"! perché basta che "si attesti la tutela e la valorizzazione del territorio da parte dell'insegnante" mi sono persa nel cercare di capire come caspita c’entri la storia del territorio se devo insegnare la chimica a dei ragazzini di 15 anni il cui più pressante interesse è il famoso “chi ce l’ha più lungo”!
acqua10.jpgIpotizziamo : “ Allora ragazzi, voi sapete che nella bassa padana àl ghe le rogge (piccoli canali) con l’aqua frècia (fredda). L’acqua è un composto. Anche se l’è frecia, non è fatta da un solo atomo, ma da tre, legati tra loro in una struttura di tipo triangolare, propi come el tùrù (pisello) e i ball (gonadi), cioè un ossigeno (el tùrù) e due idrogeni (i ball). …” Sicuramente la struttura atomica risulta chiara e comprensibile anche da quel pubblico molto poco attento, e la valorizzazione del territorio potrebbe essere indotta con :” Ma fate attensiù, ‘che l’aqua l’è mia trop nèta (pulita) perché i ghe bùta drent dè ogni (ci buttano dentro di tutto), da l’aqua che i lava i purcèi (maiali), a quela de la tintoria, che ogni tanto vien l’aqua rossa o verde. Poi se ci fate il bagno potrebbe irritare anche la vostra sfera intima ,… si i ball!”
E per la matematica si potrebbero far calcolare volumi e pesi di certi “gioielli” e riportarli in un grafico, differenziando la provenienza territoriale.. con discussione dei risultati.
Ottimo esempio d’integrazione scientifico-adolescenzial-culturale!
Quante cazzate!
Il dialetto è una lingua “madre”, nel senso che si apprende dalla culla ed è parte integrante di se. Il rispetto per il territorio e la sua valorizzazione sono concetti totalmente slegati dalla conoscenza dello stesso. Lo dice una persona che in 60 anni ha vissuto in ben 5 regioni.Shadow19.jpg
Oggi è “uscita” l’ultima scemenza del solito gruppo : "La Lega vuole l'Esercito del nord. Niente meridionali tra gli alpini" perché ”l'operatività di alcuni corpi militari, ad esempio degli alpini, è compromessa dalla presenza di meridionali” !!?!
Penso che solo l’intelligenza di chi sa discernere possa metter fine a tante baggianate!
D’altronde, vista l’enormità dell’idiozia delle dichiarazioni, mi punge vaghezza che anche queste boutades siano della schiera dei “distrattori”, cioè di quelle notizie che servono per focalizzare altrove l’attenzione.
Ad esempio distrarre dalla figura di me… che il governo sta facendo con il “decreto anti crisi” sul quale vuol chiedere la fiducia per poi cambiarlo. …Cioè ho rovesciato il barattolo del sale sull’arrosto prima di cuocerlo, ma non lo lavo e poi lo rimetto in pentola, no! Prima lo cuocio, poi lo lavo, poi lo rimetto in pentola con tanta acqua che diventa una specie di bollito da schifo!
Deal_with_the_Devil.jpgOppure dal fatto che il conflitto d’interessi ha raggiunto l’evidenza :
Clemente Mimun, il direttore del Tg5, sarebbe destinato a guidare Rai Fiction. O, almeno, questa è l'indicazione che Silvio Berlusconi avrebbe già comunicato ai consiglieri Rai di maggioranza”.
Naturalmente c’è il condizionale, ma si è ben capito che in tutta l’informazione vige ormai la legge del : “O me la/lo dai, o scendi”! tanto è vero che si parla “di Vittorio Feltri dalla direzione di Libero a quella del quotidiano fondato da Indro Montanelli”.. Povero, vero, gran giornalista! Sicuramente lo sentirà come la profanazione della sua stessa tomba!
Allora giriamo la faccia e … caccia al terù! Visto che i nègher ormai son cotti. Poveri Noi!
Al fondo del cammin della mia vita
Mi son trovata in una selva oscura
Che la diritta via era smarrita
Ah! quanto a dir qual è questa bruttura
di gente mentitrice e puttaniera
Che nel pensier mi nasce la paura..




17 giugno 2009

..W EL SINDAC’ DE VIGGU’..

 Se non fosse da piangere.. ci riderei! Cosa mi tocca “sentire”!
sindaco viggù.jpg<< Nella Lega tutti contro il sindaco nero di Viggiù ..Sandy Cane (di madre italiana e di padre afro-americano), eletta a sindaco di Viggiù, nel varesotto, …. Ed è sul forum di Radio Padania che alcuni sostenitori leghisti in queste ore si stanno sfogando..: «Nel brillante risultato alle ultime elezioni c’è una macchia: il sindaco un po’ nero di Viggiù», scrive Protesilao. Che precisa: «La signora Cane non ci rappresenta, noi non vogliamo un’Italia multirazziale». Gli fa eco Teiko: «Mi viene voglia di andar a dirgliene quattro a chi l’ha piazzata al posto di uno dei nostri». …>>
Olèeee!
Prima il Borghezzius-padanum si fa beccare ad insegnare come imporre alla società leronde.jpg proprie convinzioni fasciste, poi escono fuori le “ronde”, la cui memoria è decisamente sgradevole per chi conosce o ha vissuto la storia recente, con divise a dir poco “discutibili” ed idee ancor peggiori, nulla di nuovo infondo ..: << Maroni, dal palco di Pontida, …ebbene sì, vogliamo le ronde….Lampedusa, da un mese non arriva più nessuno ..poi si lamenta: “E' stata dura trattare con Tunisia, Algeria e Libia,…. ma alla fine chi ce l'ha duro la vince”.>>
il-grande-dittatore.jpgSempre la stessa storia, l’ampiamente sfruttato eufemismo sessuale…( mia nonna lo chiamava “il genera popoli”, meno aggressivo e più intelligente).. naturale per chi lo sente come fonte del pensiero. Questo modo di pensare mi è familiare visto che abito nella “profonda padania”, ma continuo a sentirlo come un marchio di incultura, come un’arrogante rivendicazione di possesso dell’albero degli zoccoli, perché è su questa fragilità che si basa la propaganda, non certo intellettualmente onesta, degli aspiranti al potere di casta, che la mescolano sapientemente con delle idee e dei programmi condivisibili.
L’informazione, nel frattempo, esalta fatti e misfatti di bassa lega, mentre nasconde in secondo piano vicende decisamente rilevanti come il divieto di volantinaggio nei campi dei terremotati : Protesta per il sisma, domani sfollati a Roma "Ma volantinaggio vietato nelle tendopoli" .. volantini che informavano della manifestazione.. perché vietarli? Ed anche la circolare che esprimeva il divieto è stata “segretata” con evidente dimostrazione di consapevolezza.
Ma chi ha il vero “onore delle cronache” in questi giorni è la ministro Gelmini, che prima fa saltare il “.. il G8 della Scienza già spostato nella villa del premier . Era previsto per il 25 a Lesmo dove Berlusconi vuole far sorgere il suo ateneo privato. Fu tolto di colpo a Lucca che aveva già preparato tutto, ora è scomparso dagli annunci..” poi corre a sostenere il direttore del “il giornale” che ha pubblicato con Mondadori (tanto per..) un libro sulla scuola!
Si, sulla scuola.
Il giornalista informa su :” Tutto quello che bisogna sapere sul disastro della scuola..” !!
Certamente ne sa molto più di chi ci vive e ancora deve viverci in quella scuola che stanno decisamente facendo a pezzi, o di chi ci ha “bestemmiato” dentro per venticinque anni, e specialegelmini.jpgha lottato contro riforme e controriforme, ed ha adeguatamente criticato ministri d’ogni colore.

L’arroganza di “credere di sapere”, l’atteggiamento di superiorità che appare sia dalle parole che dal linguaggio del corpo chiude qualunque tipo di comunicazione, qualunque possibilità di confronto ed allora succede che :
Scuola, il ministro Gelmini contestato da docenti e genitori: salta l'incontro”…La Gelmini.. assicura: «Nessuno mi impedirà di raccontare all'Italia com'è questa scuola. La scuola non è proprietà privata di un gruppo organizzato e rumoroso di sinistra, ma appartiene al Paese».
Giusto! Appartiene ad un paese che il gruppo di governo ritiene proprietà privata, quindi chi non condivide è un reazionario comunista e giustizialista, e forse pure “un po’ abbronzato”!
Certo confesso copertina web.jpgdi essere “di parte”, sia come visione del mondo, che come autrice di un libercolo sulla scuola, la MIA scuola, quella vera, ma sono anche testimone di un microcosmo complesso in cui impari con l’esperienza e con la sensibilità come trarre i risultati migliori da ciascuno, perché hai di fronte delle persone, ognuna diversa dall’altra, ognuna con il suo vissuto e con il suo retroterra culturale, e se costringi alla fredda docenza dalla cattedra, ognuno sarà un numero, scritto in rosso o in nero, ma solo un numero, non più persone.
E questo è quello che succederà.
Non ci sarà, credetelo!, la selezione in base al merito, ma in base a quanto potranno fare le famiglie, specialmente per quei casi (tanti) di adolescenti più incasinati degli altri, o di bambini con qualche problema di apprendimento.
Intelligenza è solo una parola. Non ha un significato univoco. Per sbocciare deve essere coltivata e presto ci saranno posti “al sole”, posti “indifferenti” e posti “sfigati”, e tutto sarà nelle mani di fortuna e danaro.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola lega terremoto gelmini sindaci abbruzzo

permalink | inviato da AnnaSerenity il 17/6/2009 alle 12:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo        maggio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom