.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


17 giugno 2009

..W EL SINDAC’ DE VIGGU’..

 Se non fosse da piangere.. ci riderei! Cosa mi tocca “sentire”!
sindaco viggù.jpg<< Nella Lega tutti contro il sindaco nero di Viggiù ..Sandy Cane (di madre italiana e di padre afro-americano), eletta a sindaco di Viggiù, nel varesotto, …. Ed è sul forum di Radio Padania che alcuni sostenitori leghisti in queste ore si stanno sfogando..: «Nel brillante risultato alle ultime elezioni c’è una macchia: il sindaco un po’ nero di Viggiù», scrive Protesilao. Che precisa: «La signora Cane non ci rappresenta, noi non vogliamo un’Italia multirazziale». Gli fa eco Teiko: «Mi viene voglia di andar a dirgliene quattro a chi l’ha piazzata al posto di uno dei nostri». …>>
Olèeee!
Prima il Borghezzius-padanum si fa beccare ad insegnare come imporre alla società leronde.jpg proprie convinzioni fasciste, poi escono fuori le “ronde”, la cui memoria è decisamente sgradevole per chi conosce o ha vissuto la storia recente, con divise a dir poco “discutibili” ed idee ancor peggiori, nulla di nuovo infondo ..: << Maroni, dal palco di Pontida, …ebbene sì, vogliamo le ronde….Lampedusa, da un mese non arriva più nessuno ..poi si lamenta: “E' stata dura trattare con Tunisia, Algeria e Libia,…. ma alla fine chi ce l'ha duro la vince”.>>
il-grande-dittatore.jpgSempre la stessa storia, l’ampiamente sfruttato eufemismo sessuale…( mia nonna lo chiamava “il genera popoli”, meno aggressivo e più intelligente).. naturale per chi lo sente come fonte del pensiero. Questo modo di pensare mi è familiare visto che abito nella “profonda padania”, ma continuo a sentirlo come un marchio di incultura, come un’arrogante rivendicazione di possesso dell’albero degli zoccoli, perché è su questa fragilità che si basa la propaganda, non certo intellettualmente onesta, degli aspiranti al potere di casta, che la mescolano sapientemente con delle idee e dei programmi condivisibili.
L’informazione, nel frattempo, esalta fatti e misfatti di bassa lega, mentre nasconde in secondo piano vicende decisamente rilevanti come il divieto di volantinaggio nei campi dei terremotati : Protesta per il sisma, domani sfollati a Roma "Ma volantinaggio vietato nelle tendopoli" .. volantini che informavano della manifestazione.. perché vietarli? Ed anche la circolare che esprimeva il divieto è stata “segretata” con evidente dimostrazione di consapevolezza.
Ma chi ha il vero “onore delle cronache” in questi giorni è la ministro Gelmini, che prima fa saltare il “.. il G8 della Scienza già spostato nella villa del premier . Era previsto per il 25 a Lesmo dove Berlusconi vuole far sorgere il suo ateneo privato. Fu tolto di colpo a Lucca che aveva già preparato tutto, ora è scomparso dagli annunci..” poi corre a sostenere il direttore del “il giornale” che ha pubblicato con Mondadori (tanto per..) un libro sulla scuola!
Si, sulla scuola.
Il giornalista informa su :” Tutto quello che bisogna sapere sul disastro della scuola..” !!
Certamente ne sa molto più di chi ci vive e ancora deve viverci in quella scuola che stanno decisamente facendo a pezzi, o di chi ci ha “bestemmiato” dentro per venticinque anni, e specialegelmini.jpgha lottato contro riforme e controriforme, ed ha adeguatamente criticato ministri d’ogni colore.

L’arroganza di “credere di sapere”, l’atteggiamento di superiorità che appare sia dalle parole che dal linguaggio del corpo chiude qualunque tipo di comunicazione, qualunque possibilità di confronto ed allora succede che :
Scuola, il ministro Gelmini contestato da docenti e genitori: salta l'incontro”…La Gelmini.. assicura: «Nessuno mi impedirà di raccontare all'Italia com'è questa scuola. La scuola non è proprietà privata di un gruppo organizzato e rumoroso di sinistra, ma appartiene al Paese».
Giusto! Appartiene ad un paese che il gruppo di governo ritiene proprietà privata, quindi chi non condivide è un reazionario comunista e giustizialista, e forse pure “un po’ abbronzato”!
Certo confesso copertina web.jpgdi essere “di parte”, sia come visione del mondo, che come autrice di un libercolo sulla scuola, la MIA scuola, quella vera, ma sono anche testimone di un microcosmo complesso in cui impari con l’esperienza e con la sensibilità come trarre i risultati migliori da ciascuno, perché hai di fronte delle persone, ognuna diversa dall’altra, ognuna con il suo vissuto e con il suo retroterra culturale, e se costringi alla fredda docenza dalla cattedra, ognuno sarà un numero, scritto in rosso o in nero, ma solo un numero, non più persone.
E questo è quello che succederà.
Non ci sarà, credetelo!, la selezione in base al merito, ma in base a quanto potranno fare le famiglie, specialmente per quei casi (tanti) di adolescenti più incasinati degli altri, o di bambini con qualche problema di apprendimento.
Intelligenza è solo una parola. Non ha un significato univoco. Per sbocciare deve essere coltivata e presto ci saranno posti “al sole”, posti “indifferenti” e posti “sfigati”, e tutto sarà nelle mani di fortuna e danaro.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola lega terremoto gelmini sindaci abbruzzo

permalink | inviato da AnnaSerenity il 17/6/2009 alle 12:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



16 agosto 2008

SINDACI “SCERIFFI” ….

Notte fonda. Una macchina passa di gran carriera e s’arresta poco lontano con uno stridio di gomme.
Il mio primo sonno viene così bruscamente interrotto, e dal più profondo del cuore parte una maledizione per gli sconosciuti che ciarlano allegramente rompendo il silenzio dell’ora tarda e della zona tranquilla. So che alla mattina seguente ascolterò preoccupata le notizie locali per verificare che il mio augurio non sia arrivato a destinazione, faccio sempre così.
Il flusso adrenalinico però ha scacciato il torpore e per non pensare ai “deficienti” che l’hanno provocato accendo la radio.
Nella replica di una trasmissione andata in onda il giorno avanti (la mezzanotte è ormai lontana) si parla di un sindaco, anzi è proprio lui che parla, che ha emesso un’ordinanza legata ai nuovi poteri attribuitigli dal decreto 28077108.jpgMaroni decisamente originale.
Non si tratta delle solite multe a chi paga per far sesso, o imbruttisce i le foto dei turisti chiedendo l’elemosina, o intralcia la circolazione (sanguigna di qualcuno) sedendosi sulle panchine o sugli scalini di un ponte, ma , “udite, udite” ..è contro le cannucce da bibita !
Sissignore! Nel “suo” (?) Comune sarà vietato usare le cannucce per sorbire i liquidi, ci saranno multe salate e chiusura per più giorni per i gestori dei locali, cioè terrorismo alla fonte!
E sapete perché?? Per questioni di salute pubblica!!
Ouì! Per tutelare i cittadini dal possibile contagio da malattie legate allo scambio di “saliva” che potrebbe avvenire a suo avviso per il noto fenomeno “del reflusso dei liquidi” ( tradotto : dopo aver ciucciato ci sputi per istinto!) ! (Chissà se vuol dare una mano ai “fannulloni” di Brunetta?)
Ahooò! Questa mi mancava! Il suddetto difensore della salute pubblica faceva esplicito 286506333.jpgriferimento all’abitudine di condividere mega coctails anche alcolici tra compagni di serata, con possibile super inquinamento delle “falde” liquide.
Meschino! Ammesso e non concesso che ti sputazzi nell’aperitivo, se questo contiene alcool etilico, tuttalpiù ti becchi qualche batterio ‘mbriaco, che invece di fare il suo dovere facendoti ammalare si ammala lui entrando nel tuo sangue!
Quale sarà la prossima mossa del sindaco “sanitificator” ?
Vieterà il bacio sulla bocca di qualunque altra donna che non sia la propria consorte?
Obbligherà
la popolazione a lavarsi i denti con la candeggina?
Riporterà il saluto a braccio teso lasciando liberi di chiudere il pugno o meno, visto che le mani dei maschietti sono spesso utilizzate in ravanamenti vari che possono interessare le froge o il contenuto del cavallo dei pantaloni, e quelle delle donne in esplorazioni di caverne onnivore dalle quali emerge con enfasi trionfale ogni schifezza e che loro 20345899.jpgchiamano borse?
Non so se l’ordinanza preveda l’uso per i fruitori di bevande di recipienti monouso con ben evidenziato “nome, cognome e codice fiscale”, se siano previste multe per chi fa assaggiare la propria bevanda magari ad un familiare, o se poi ci si possa sputare dentro liberamente purchè senza cannuccia!
La mia infanzia, quando la povertà del dopoguerra non permetteva l’accesso facile ad un bar, è stata segnata dalla caccia alle cannucce di paglia, magari usate e “rubate” dai tavolini dei bar, per farne delle piccole cerbottane con le quali sparare micropalline di carta, masticata con pazienza ed appallottolata con manine non troppo pulite, prendendo di mira gli “sfigati” che transitavano, nascondendosi poi dietro ai muretti ed aspettando lo scoppio d’ira.1801015297.jpg
Sono cresciuta fino all’altezza di un metro e settantacinque con massa adeguata (nel senso di troppa), stimolando adeguatamente il mio sistema immunitario con il rispetto dell’igiene non maniacale, ed ora mi chiedo :Quel signore non troppo indaffarato sa cosa si perde a bere una granita dal bicchiere invece che sorbirsela con la cannuccia?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sindaci sceriffi ordinanze

permalink | inviato da AnnaSerenity il 16/8/2008 alle 19:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     maggio        luglio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom