.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


9 dicembre 2008

SONO FUORI DALLA REALTA’

 Stereotipi ripetitivi, preconcetti indistruttibili, insomma.. sempre la solita musica. Com’è possibile che non si rendano SMETTIAMOLA C.JPGconto che l’autoincensazione ha stufato e non convince più, esattamente come la denigrazione generica e generalizzata della sinistra che ha ormai sbriciolato le gonadi della gente.

«Gli italiani sono un popolo di risparmiatori di formiche virtuose e non di cicale ….. scegliere tra due strade: fare propria la canzone del catastrofismo che la sinistra canta ogni giorno, oppure essere positivi e pragmatici e conservare lo stile di vita precedente anche nei consumi.. »

Sono una formica, ottimista ,  ma per disgrazia con un cervello logico. Quindi da “formica Serva” provo a far due conti. Scelgo una situazione media, non catastrofica, né ottimistica, cioè normale.

·       Città : medio-grande

·       Padre pensionato : 1500 euro (una discreta pensione per la sua categoria)

·       Madre pensionata : 1200 euro (come al solito le donne fanno poca carriera..)

·       Figlio laureato convivente : ex CoCoCo, ex temporaneo, ex quelchevipare, ora precario a rischio dal 1° gennaio

·       Figlia laureata convivente: lavoratrice a progetto fino al  febbraio 2009 fidanzata con un precario della scuola

I figli contribuiscono al menage con 200 o 300 euro ognuno. Totale 600€

·       Casa di proprietà comperata nel 1980 con mutuo venticinquennale estinto nel 2005

Pagano :

·       condominio che comprende le spese per la ristrutturazione e messa a norma dell’impianto elettrico dello stabile, spese per la sostituzione della caldaia, riscaldamento giardino ecc.Health37.jpg

·       rata del prestito per il rifacimento del bagno causa “tubi vecchi”

·       rata della lavatrice nuova per morte sul lavoro della vecchia

·       Sky, .. il papà è un tifoso della squadra delle città, la mamma adora i vecchi film

·       Qualche acciacco ormai c’è, e ci sono dei ticket ormai fissi nel bilancio, per fortuna nulla di terribile, ma certe analisi van fatte… i farmaci servono..

Hotrod.jpg·       La macchina è anzianotta, ma “un vero gioiellino” anche se “eurononsocosa” forse zero.. Comunque si usa quando è necessario e basta.

Ora, le entrate in queste condizioni permettono di coprire le uscite, ma mica c’è da scialacquare! Risparmi? Quei due soldi, e son veramente pochi, che son stati messi da parte rinunciando a tante piccole cose, facendo le formichine, devono restare al sicuro perché se capita di dover mettere la dentiera…o altro.. Mantenere i consumi ai livelli passati, con i figli precari a rischio, è ben difficile, sarebbe una scelta non da “formica”, ma da cicala. Antfarm.jpgI sostegni alle famiglie sono erogati a famiglie con redditi decisamente inferiori, e neppure ci conta una famiglia così. Questa è una situazione sociale tra le tipologie più diffuse, quelle fortunate, con un reddito sicuro..

A questo punto confronto la situazione con quella dei “patrioti di CAI”, che sicuramente guadagneranno sull’investimento “parola di Prèmier”. E con l’Alitalia decotta che si ciuccia quotidianamente 2 milioni e 360 mila euro. E con la multa per Rete4. E con i debiti che ci vengono riversati addosso per i vari fallimenti dei comuni… E mi domando se la mia famiglia avesse giocato con i “derivati” come tanti Comuni.. ora non avrebbe neppure gli occhi per piangere, mentre certi sindaci sorridono che ci pensa lo stato.. E i fondi per la scuola pubblica si tagliano, ma l'ufficio dei vescovi, parlando di "crisi profonda", annuncia una mobilitazione. Poi interviene anche il Papa pontificando : "Inalienabile l'educazione religiosa dei figli", dimentico che lo stato paga già i docenti di religione nelle scuole, anche cattoliche. Il governo annulla subito i tagli ed il sottosegretario Vegas si affretta a dichiarare: "I fondi verranno ripristinati con un emendamento" e sottovoce “.. sarà la Gelmini a decider come destinarli”.

Che prese per il c…. !!   E qualcuno dichiara :  “Magari fossi Cesare…” ....ed io penso   Ti ricordi che fine ha fatto?”!!    


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi sky formiche sinistra consumi crisi

permalink | inviato da AnnaSerenity il 9/12/2008 alle 13:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



4 dicembre 2008

G 7 e mezzo

 

losapevo.jpgLo sapevo!! Quando la voce dissenziente da sussurro diventa grido, quando questa voce riporta parole sensate, quando sentendo il grido altre voci si uniscono, allora arriva il momento di assordare con un tuono, e di approfittare della sordità per soffocare ogni lamento.

"Su internet manca una regolamentazione internazionale uniforme. - afferma il cavaliere -  Credo che al prossimo G8 si possa portare sul tavolo questa proposta"

Non sarà un G8 , ma un G7e mezzo! Perché nel Gruppo delle potenze l’Italia ormai conta meno della metà, nulla vale il sedere sullo scranno della presidenza, quando la statura morale è inferiore a quella dei tacchi portati per elevare quella fisica!

Ho letto molte parole sulla “proposta in pectore”, e quella che mi ha fatto inorridire e della quale continuo a dubitare tanto mi agghiaccia, è un’ idea del ministro degli Interni Maroni che sembra abbia annublogger 000001.JPGnciato un "numero identificativo" per ogni utente del Web. Un'idea che viene da lontano, dal numero indelebile tatuato sul braccio degli ebrei nei campi di concentramento, un orrore che ho visto  nella mia infanzia marchio indelebile sulla pelle di un’amica di famiglia, e che mi rende ancor oggi sgraditi i tatuaggi.

Non sono allergica al mettere nome e cognome sotto le mie parole, io sono ampiamente identificabile perché accanto allo pseudonimo metto il nome, pubblico, rintracciabile. Sono furiosamente contraria ad un numero identificativo di carattere persecutorio.

LIBERTàC.JPGVoglio la mia libertà! Libertà di scelta, libertà di scegliere se vivere o morire, se curarmi o no, se credere in Dio o no, libertà di criticare chi mi governa, chi mi governa con la frode delle preferenze negate, e questa mia libertà la voglio perseguire a tutti i costi.

Ma come si possono accettare in silenzio, magari riverente, affermazioni del tipo :

«Ma che vergogna! Tutti dovrebbero andare a casa: i politici della sinistra e i direttori dei giornali. Se uno è coerente deve cambiare mestiere. Gli italiani lo sappiano. Scusate se parlo così ma questa volta è troppo grossa».  Affermazione con cui il prèmier torna a polemizzare con l’opposizione per gli attacchi «strumentali» sul "caso Sky".

Sinceramente io manderei a casa destra e sinistra! Lui in testa, e pagherei di tasca mia la fanfara per accompagnarli!

Anche i tifosi che lo accompagnano son degni di lui :

«Veltroni? Dovrebbe scomparire, fa promesse che non può mantenere». «Berlusconi? Se non ci fosse l'Italia sarebbe nel caos»  che il “maestro venerabile della P2 Licio Gelli” , supporter  indefesso del cavaliere, offre a piena bocca all’intervistatore,(che evidentemente non aveva di meglio da intervistare sul mercato, o…).

Almeno avere la libertà di riportarle, chiedendomi a chi lo strabismo evidente del vecchio blaterante sia di appoggio.

Una volta dicevano che nella botte piccola c’è il vino buono, ma ora penso che il germe dell’egoismo condito con il delirio di onnipotenza  porti il contenuto di certe botticelle ad essere dannoso. Certe persone prima di aprire bocca e darle fiato sarebbe opportuno vagliassero le parole, mentre pensano di “poter tutto” e che “tutto sia loro concesso” compresa l’onniscenza.

Wine_Taster.jpgRenato Brunetta, durante una lectio tenuta oggi all'Università Luiss, ha detto :  «Non mi piace lo slogan 'questa crisi non la paghiamo' e non mi piacciono le generalizzazioni: non esistono i giovani come categoria. I giovani sono a volte anche molto pecoroni». Concludendo il pensiero poi con :  «in Italia gli ascensori sociali funzionano poco e la probabilità che un figlio continui a fare lo stesso mestiere del padre è molto alta, molto più che in altri paesi europei, e questo non va bene».  (Spero lui sia sterile!)

Come si dice ha perso una meravigliosa occasione di tacere.

Altra botte piccola con pessimo contenuto!



sfoglia     novembre        gennaio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom