.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


6 ottobre 2011

ASSURDO E’ UN EUFEMISMO

Articolo scatenante  : “Concorso per presidi nel caos tra quiz sbagliati e fughe di notizie”.

Naturalmente, visto che nella scuola ci sono letteralmente vissuta (19 da studente e quasi trenta da docente) quando leggo “scuola” vado a vedere di che si tratta.

Mi sono scaricata le domande (oltre 5000) e sono andata al leggerle a campione. (Per chi è curioso come me :  Il Miur ha pubblicato sul proprio sito la batteria di oltre 5mila quiz )

Premetto che per anni sono stata membro del consiglio d’istituto e della giunta esecutiva, nonché vicepreside di una scuola superiore con (ai tempi d’oro) più di 800 allievi.

Tra informazioni indispensabili nella preparazione di un dirigente scolastico vista la complessità dell’attuale normativa, ci sono domande che definire assurde è un eufemismo.

Ad esempio:

Nei seguenti Paesi europei, tranne uno,il capo d’istituto proviene esclusivamente dai ranghi dell’insegnamento. In quale Paese il capo d’istituto può provenire anche da altri settori?

Non in Italia, ma in altri paesi europei!

La Legge Fondamentale (Grundgesetz del 1949) per l’istruzione scolastica e universitaria in Germania colloca a quale livello le responsabilità legislative e amministrative nel settore?

Poi per l’area amministrativa penso che una laurea in giurisprudenza non sarebbe sufficiente senza un’approfondito studio delle normative comunitarie, e non solo nel campo dell’istruzione.

Boh!


concorso presidi,scuola,istruzioneQuei “nostri rappresentanti” che non sanno usare i congiuntivi, che fanno delle emerite figure di m…. alle banali domande sull’Italia (Le Iene: politici e Unità d'Italia, quante gaffe!) che sparano i neutrini in un tunnel di più di 700Km, vogliono dei dirigenti scolastici “super colti”, che sanno quanti condomini deve avere un condominio per avere un regolamento (area3 – n°323) oppure quando si apre una successione (morte del defunto o redazione del testamento o… area 3 – 337). Forse sperano in qualche lascito al ministero?

L’area4, quella psicopedagogica è spettacolare!

Ho fatto tanto lavoro a scuola senza sapere rispondere a quali novità sensazionali l’educazione cristiana introdusse rispetto all’educazione tradizionale, o quale fosse il pensiero riportato nella Ratio studiorum Societatis Jesu(1599) o il valore diAmos Komensky che con l’Orbis sensualium pictus realizzò un libro innovativo.

Poi mi vergogno di non sapere chi minchia sia Carleton Wolsey Washburne che, porca paletta!, ha influenzato significativamente lo sviluppo della scuola italiana.

Però … so cos’è un neutrino, come è composto un atomo, (un mio racconto è pubblicato anche sulla rivista CnS nel 2004 Così nacque la vita.) e ho saputo, a suo tempo, evitare più di qualche abbandono scolastico e parecchie situazioni critiche in un mondo difficile come quello degli adolescenti di un Istituto Tecnico.

Per chi volesse erudirsi, poi, sul metodo con cui si svolgerà il concorso, c’è il Facsimile istruzioni e risposte per il concorso che è veramente illuminante, specie nei fogli per la ricerca delle domande a cui si deve rispondere.

DEMENZIALE specie con 1 minuto per domanda!

Concorso vietato alle persone con leggera dislessia (quella che fa invertire le cifre : es. 137 in 173). Bocciati in partenza!

concorso presidi,scuola,istruzioneAh! Ci son poi 4 sezioni, una per ogni lingua comunitaria principale con domande in lingua originale.

Pretendono forse dirigenti poliglotti? Vada per l’informatica (area7) anche se prevede informazioni piuttosto particolareggiate (a me note però, quindi non più di tanto) , ma quattro lingue… al massimo un paio…

Ahò!  Ma un bel camion per la differenziata che se li carichi tanto son tutti da infilare nella frazione dell’umido no?!?…

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. concorso presidi scuola istruzione

permalink | inviato da AnnaSerenity il 6/10/2011 alle 18:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



4 ottobre 2011

QUELLO CHE MI DISTURBA MAGGIORMENTE

legge bavaglio,padania,telepadania

“Si fa, ma non si dice. …” cantavano quand’ero bambina.

Io lo interpretavo come diretto alle “puzzette” che talora scappavano magari durante il gioco. E i miei genitori ridevano complici.

Com’è cambiata la società!

Oggi torna di moda l’idea del : “quello che non si conosce non esiste” .

Anzi! Decretiamolo per legge.

Serve a nascondere cose come ruberie, ricatti, mercimoni, associazioni a delinquere, collusioni, concussioni a livello politico. Degli “altri”  e delle conseguenze possibili chissenefrega.

Se non si dice… non si sa, e torna intatta la verginità!

Quello che mi disturba maggiormente è il fatto che “coloro” reputano grave che le malefatte si sappiano, e non che siano state fatte.

Che importanza ha la frequentazione amichevole di personaggi del mondo del malaffare con cui è possibile avere uno scambio di favori , basta che la gente non lo sappia, o lo sappia ma non lo dica.legge bavaglio,padania,telepadania

Che importanza ha se non viene a galla la sporcizia dello sfruttamento delle perversioni altrui per soddisfare il desiderio di potere o di ricchezza. Basta che non si sappia o non si dica.

Quando si legge che uno di mezz’età ha indotto la giovincella di carne fresca ad avere rapporti con lui si pensa subito ad un vecchio porco e si plaude alla giustizia che lo ha incarcerato. Peggio ancora se l’offerta viene fatta da familiari in cambio di danaro o favori. La condanna è generale.

Ma non tutti son uguali davanti alla legge …

E, per  quelli meno uguali davanti alla legge è importante solo che non si sappia e les jeux sont faites!

…. Stavo scrivendo queste considerazioni quando mi è capitato d’imbattermi in un video tratto da telepadania (link) che insegna ai napoletani come effettuare la raccolta differenziata con un tono di disprezzo ed irrisione tale da generare in me un conato di violenza nei confronti dell’intero gruppo politico.

E l’essenza dell’imbecillità assoluta!legge bavaglio,padania,telepadania

E’ il massimo degrado del rispetto e del buon gusto!

Mi chiedo se ci siano dei coglioni che trovino divertente tanto bassa ironia. E maggiormente se siano anche così stupidi da cadere nella trappola del “noi al nord..”.

Il livello cultural-intellettuale di chi vive di questi “ideali” è lo stesso di certi adolescenti che avevo tra le mani. Brufolosi, e spesso puzzolenti, piccoli arroganti capaci di elaborare solo pensieri basilari legati a slogan o tempeste ormoniche, e nelle discussioni arroccati a frasi fatte e prole d’ordine.

Come hanno titolato su “La padania”? “Io esisto e sono padano”?

Ebbene! Io esisto! in tutta la mia massa (che è “tanta”) e sono Italiana anche se son nata a Venezia e vivo in provincia di Bergamo, sulle rive dell’Adda nella pianura padana!

E con i suddetti figuri non voglio aver a che fare.

Vogliono dimostrare che son “superiori”? Quanto a bassezza e stupidità lo sono superiori, esattamente come qualunque altro essere umano si esprima con tale ignoranza e arroganza nei confronti di chi non è della sua schiatta.

legge bavaglio,padania,telepadaniaPer finire, viste le arie che stanno spirando in merito al “bavaglio” alla libera espressione oltre che all’informazione, mi porto avanti, come s’usa dire, con la seguente dichiarazione :

“Io sottoscritta, nelle piene facoltà mentali, dichiaro che quanto scritto non è vero, quindi smentisco tutto.

E poiché con questo non ho più il controllo della mia salute mentale, smentisco tutto fino a questo punto.”

Questo mi disturba maggiormente.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. legge bavaglio padania telepadania

permalink | inviato da AnnaSerenity il 4/10/2011 alle 17:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     settembre        novembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom