.
Annunci online

  dalmiopuntodivistacon [ considerazioni, opinioni e ricordi di una professoressa in pensione ]
         

Perchè pubblico il mio Diario

Con questi chiari di luna che illuminano una scuola “sgarrupata” ed inefficiente ho pensato che la mia testimonianza reale, perché scritta per liberare nell’inchiostro il veleno o la disperazione o anche l’allegria delle mie giornate, possa mettere in luce quell’impegno, sottovalutato non solo dal punto di vista economico ma anche da quello morale, che fa di una persona “un insegnante” e di una scuola un “luogo di crescita civile e culturale”, senza i proclami vuoti di contenuto di classi politiche prive di intelligenza logica.

Seguirò, riportando le pagine del mio diario di un “qualsiasi” anno di scuola, il procedere del tempo.

Naturalmente son situazioni di parecchi anni orsono che ho deciso, con un po’ di imbarazzo per lo specifico tono autobiografico, di pubblicare in questo spazio che è diventato il mio diario virtuale, sperando che il giudizio non sia troppo severo.

Scuola Maltrattata..1° e 2° puntata.

Dal mio diario ..3° puntata.

Dal mio diario ... 4° puntata

Dal mio diario ... 5° puntata

Dal mio diario ... 6° puntata

Dal mio diario ... 7° puntata

Dal mio diario ... 8° puntata

Dal Mio Diario : Intermezzo...

Dal mio diario ... 9° puntata

Dal mio diario ... 10° puntata

Dal mio diario ... 11° puntata

Dal mio diario ... 12°...

Dal mio diario ... 12°...II°

Dal mio diario ... 13° puntata

Dal mio diario ... NATALE...

Dal mio diario ... 14° puntata

Dal mio diario ... 15° puntata

Dal mio diario ... 16° puntata

Dal mio diario ... 17° puntata

Dal mio diario ... 18° puntata

Dal mio diario ... 19° puntata

Dal mio diario ... 20° puntata

  LIBERA DI SCRIVERE !

la legge è uguale.JPG

free bloggerC3.jpg


30 novembre 2011

HANNO PAURA !

Da non crederci!

Libero shock: “Togliete i libri alle donne e torneranno a far figli” (link da Lettera Viola)

libero,donne,istruzione,treni,casteNegli anni della mia gioventù ci consigliavano di andare “a fare la calzetta” invece che imparare a guidare la macchina o lavorare in fabbrica.

Cavolo! E’ passato mezzo secolo e mi ritrovo degli imbecilli che rivogliono la donna schiava.

Ignorante e schiava.

Fattrice come una vacca e analfabeta, per ritrovare il predominio intellettuale.

Si, perché i “signori” che espongono tali idee hanno meno intelletto di un carciofo e le palle talmente insignificanti da non essere in grado di competere.

(citazioni dall’articolo)

“…fare il genitore... non esiste oggi lavoro più gravoso e meno remunerato, anzi tartassato.”

 Io ho una figlia che non è mai stata un lavoro per me, ma un affetto, una tenerezza, una promessa per la continuazione della mia genetica, ecco la remunerazione! 

“…Una volta i piccoli erano braccia per l’agricoltura, i grandi bastoni per la vecchiaia… adesso tocca mantenerli vita natural durante..” 

“… Culle vuote e barconi pieni sono fenomeni strettamente legati…”

“… ci vorrebbe un’atomica al giorno per impedire gli arrivi dalla Siria, dall’Egitto, dalla Libia,..”

“… se non è la religione, se non è l’ideologia, qual è il vero fattore fertilizzante?...”

“… il vero fattore fertilizzante è, quindi, la bassa scolarizzazione …”

Pazzesco!

L’ignoranza fertilizzante, come il letame per i campi.

Non è la difficoltà di un mondo del lavoro governato da caimani ingordi che affossano i servizi sociali pubblici a favore della casta dei rapaci.

Non è la corruzione generalizzata che impedisce lo sviluppo delle eccellenze sul territorio nazionale.

Non sono le lobbies che blindano il presente affossando le scoperte scientifiche che potrebbero danneggiare il loro business.

Sono le donne istruite che “rendono infertile” la società.

L’imbecille in questione, poi, ironizza sulle migrazioni, non tenendo conto che i “più migranti” nel mondo siamo proprio noi italiani, e che subiamo l’onta di aver tali furfanti in patria.

Nobili, clero e terzo stato!

E donne, anzi femmine che hanno l'audacia di sostenere d’aver cervello.libero,donne,istruzione,treni,caste

Reietti che osano alzar la testa sostenendo d’essere persone ed aver diritto alla “felicità”.

Quel signore superbo, tal Moretti,  a.d. di Trenitalia, ha concepito e partorito il nuovo treno con quattro classi : executive, business, premium e standard.

Cioè superricchi spocchiosi con la puzza sotto il naso, manager facoltosi, benestanti desiderosi di apparire, gente normale anzi un po’ puzzolente.

E per evitare mescolamenti di genere il passaggio tra le carrozze dei poveri e quelle dei ricchi viene sigillato. Fosse mai che t’attacchino la rogna!

Poveri sempre più poveri e ricchi sempre più ricchi…

E le donne ignoranti e sottomesse (nel senso di messe sotto, tanto servono solo a quello!)

Mi spiace! Ma ormai le donne non hanno più timore a mettersi in gioco e hanno sicuramente più determinazione di tanti uomini nella lotta per la vita.

E sanno usare il cervello.

E anche il cuore.

Per questo gli uomini hanno paura!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. libero donne treni istruzione caste

permalink | inviato da AnnaSerenity il 30/11/2011 alle 23:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



27 novembre 2011

FIGLI D’UN DIO MINORE

Lilly09.JPG

Le dimostrazioni dell’aberrante pochezza cerebrale di quelle persone che ancora osano sedere in parlamento ed ergersi a difensori dei diritti dei “loro elettori” ( fondamentalmente vero, visto che come botoli ubbidienti difendono i loro capi) non ha mai fine.

T’indigni per un caso e ne spuntano almeno altri due!

Napolitano: "Cittadinanza ai bambini ( figli di stranieri )nati in Italia (link)"

La Lega: "Così si stravolge la Costituzione" - Maroni e Calderoli: "Pronti alle barricate". – Cicchitto e  La Russa: "Così si mette a rischio la vita del governo".

Vorrei sapere di quale stravolgimento costituzionale si tratti. Il Presidente della Repubblica auspica solo che

"… in Parlamento si possa affrontare anche la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un'autentica follia, un'assurdità. I bambini hanno questa aspirazione".

Forse temono un futuro confronto tra coloro che usano il cervello solo per riempire la scatola cranica, come nel loro caso, e i nuovi cittadini arrivati che potrebbero essere cerebralmente autonomi.Napolitano, immigrati,bambini,italia,lega,padania,giovanardi

Statisticamente parlando, è inevitabile che una percentuale della popolazione sia costituita da imbecilli, ma non è logico che si siano concentrati tutti nelle stanze del parlamento.

Scomodano addirittura “le barricate”! Dopo i fucili e le bande armate ora vogliono le barricate e contro chi?  Contro i bambini nati in Italia. Solo perché non lo sono i genitori!

Ed allora via con gli sproloqui del tipo :

“…regolarizzare migliaia di clandestini”, “…tutte le donne africane verranno a partorire in Italia”…

fino all’arroganza di Giovanardi che attacca :

Napolitano : Farebbe meglio a stare zitto (link)

dimostrando nel suo sproloquio di avere una conoscenza approssimativa di quanto detto dal Presidente e di quello che prevede la costituzione :

“…In quale paese un capo dello stato decide qual è la cittadinanza o no o si intromette in questioni che sono del Parlamento e del governo?.. Napolitano non doveva intervenire perché non è nel suo ruolo...

Non mi addentro nel campo giuridico, specie per quanto riguarda quello che vorrebbe dire rendere tutti uguali i bimbi che nascono negli ospedali italiani, mi limito a sostenere che quelli che hanno genitori stranieri non sono “figli di un dio minore”.Napolitano, immigrati,bambini,italia,lega,padania,giovanardi

Se sono costretta ad accettare di pagare decine di migliaia di euro di stipendio per subnormali arrivisti, ignoranti come scarpe, eppur saccenti ed arroganti, posso con equa liberalità offrire gli stessi servizi sociali a tutti coloro che nascono in Italia.

…Magari togliendo loro 100 euro dallo stipendio ogni volta che dicono cazzate e mettendole in un fondo destinato alla scuola.

A proposito di ignorante arroganza, ne è una vera dimostrazione pratica l’intervento del deputato della Lega Nord e sindaco di Varallo, Gianluca Buonanno, intervistato nel corso della trasmissione La Zanzara su Radio 24 :

Buonanno: ''La Padania esiste. La prova è il Grana Padano (video)''

"Perché il Grana Padano si chiama così e perché esiste il Gazzettino Padano? Se c'è questa terminologia significa che la Padania esiste".

In rete si è scatenata la gara (link)  alla battuta migliore.

Penso che “el shùr sindac” sia la “prova provata” della faccia tosta e dell’incompetenza della gente di cui sopra. Valore presunto per la cavolata a favore del fondo : mille euro… ed è poco!

Nel frattempo continuano “indisturbate” le morti sul lavoro, i suicidi di imprenditori disperati e la strage di innocenti per terra e mare.

L’unica cosa che ha importanza però è la lotta per mantenere i privilegi (tagli solo per la prossima leva) e contro i comunisti…

…Non so che dire…allora canto…

 http://youtu.be/zNtDe7hfETQ





3 novembre 2011

USTIONI GARANTITE!!

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,cultura

Pubblicità in tv :

“… scopa a vapore H2O… risparmiate sui detersivi perché basta il vapore a 230° centigradi…”

Si! Centigradi!! Sono caduta dalla sedia per lo stupore! …230°C ?!? Minchia ma di che macchina parlano? Di una scopa a vapore?

Sinceramente non ricordo la formula che mette in relazione pressione e temperatura dell’acqua, ma un getto di vapore a quella temperatura penso non sia molto adatto alle incombenze domestiche.

Se per caso mi scappa una spruzzatina sull’allucione nudo esposto dalla ciabatta? … metto direttamente  la cenere nel portacenere e l’osso lo uso come portafortuna vista l’ustione?

La soluzione del busillis è nella trasformazione da gradi Fahreneith a gradi Centigradi che, per chi ha tradotto lo spot, sembrano essere la stessa cosa.

Ma 230°F corrispondono a 110°C… ed allora ci siamo! (In America l’acqua bolle a 210°F, mentre in Italia, governo permettendo, continua a bollire a 100°C).scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,cultura

Ancora una volta si conferma come in questo paese la cultura sia solo “classica” (congiuntivi e consecutio a parte…), e quella “scientifica” sia un mondo a sé.

Quando si parla di fisica o di chimica o di matematica sembra di raccontare  di un universo parallelo che affascina, ma non coinvolge. Non si pensa che ogni fenomeno che ci circonda o ci riguarda è legato a queste tre discipline.

Eppure fu una mela (si dice) caduta in testa a Newton che innescò quel progresso che ora corre talmente veloce da farmi sentire “vecchia” mentre l’utilizzo nelle sue forme avanzate come questo pc.

Non fu una poesia o trattato filosofico. Magari fu quest’ultimo che gli cadde sul callo che lo faceva soffrire… ma non era elegante dirlo.

Non è forse curioso che perfino il normale “rapporto sessuale” sia stato “investigato” in condizioni di assenza di gravità? Si tratta di fisica anche in questo caso.

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,culturaE non è curioso che ora si faccia tanto parlare della “cucina molecolare” quando in cucina le molecole ci son sempre state?  (Forse il nome deriva dal fatto che "te lo fanno appena vedere"!)

Quando sento vanterie in merito (per non parlare dei prezzi) “gli atomi” mi girano vorticosamente! Tanto per parlar di chimica..

Entrambe, cultura classica e scientifica,  servono alla formazione dell’individuo, e rifiutarne o sottovalutarne una è formare una persona a metà.

Mi accorgo, osservando la società odierna che mi circonda (media in primo piano), che le cose vengono affrontate sempre più superficialmente.

Fare in fretta e passare ad altro, ecco la nuova frontiera.  (Esempio lampante gli sms senza articoli e con scorciatoie grafologiche come l’impossibile k sostituente il “ch”. Orripilante il “xkè” che unisce un simbolo matematico con due fonetici. Sinceramente quando li trovo scritti  mi viene l’orticaria.)

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,culturaTornando alla pubblicità, vien detto che “si risparmia sui detersivi” e non vien detto che si spende in corrente. Il consumo infatti è superiore al kilowatt/ora e se non hai i pannelli fotovoltaici con il prezzo raggiunto dall’energia…

Poi c’è l’acqua che devi usare. Deve essere deionizzata, cioè quella che chiamano distillata. A proposito, se non ho letto male, il serbatoio contiene meno di mezzo litro per volta. Cioè un pieno dura…?

Ma per il mondo mediatico la donna intelligente compra cose che puliscono da se, che igienizzano al punto da trasformare i pavimenti in piatti (però non ha il solito marito che entra pestando con le scarpe infangate il pavimento appena lavato), che alleviano ogni sua fatica, dallo stirare 

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,cultura

al cucinare con pentole che “fanno tutto da sole” (ora manco quelle! C’è un sacchetto che ti arrostisce al punto giusto il pollo, ed “il Trota” non capisce come mai non gli riesca di farlo anche se son due giorni che lo ha sul tavolo di cucina ben chiuso col pollastro dentro!).

La “belladdormentata” volteggia per la casa gorgheggiando felice mentre i “settenani” lavorano in miniera e di che’ si può lamentare dunque?

Ormai il turpiloquio è stato sdoganato, (come lo sono stati certi suoni, che per me son volgari, ovvero le emissioni gassose sia orali che ..dal lato opposto ad esempio,) quindi, pur con riluttanza, mi permetto un sonoro “mmmannateafanc..”!!!

Che ci stà benissimo!



sfoglia     ottobre        dicembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom