Blog: http://dalmiopuntodivistacon.ilcannocchiale.it

“Orate Pro Me, Che Pei Altri Non Ghe N’è”

“Pregate per me che per gli altri nulla c’è” , è un detto popolare veneto per indicare chi arraffa e basta.
Questo oggi è il motto di chi legifera. Si fanno gli affari loro e dei loro compari senza alcun pudore, limitandosi a dirigere l’attenzione della gente verso altre questioni, mentre ci rubano i soldi dalle tasche. Infatti..345175711.jpg
Chissà come e chissà perché i soldi per NON CI SONO PER NESSUNO, ma :
“Il Governo ha assegnato un contributo a fondo perduto di 140 milioni di euro per il capoluogo etneo e 500 milioni per la Capitale. ……….Era stato lo stesso sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli (Pdl) a chiedere nei giorni scorsi a Berlusconi «un'anticipazione sui trasferimenti» per garantire i pagamenti ai fornitori e gli stipendi ai dipendenti. Anche per Roma, che ha già avuto 500 milioni come anticipazione ai trasferimenti……….” (dal Sole 24ore)
Facciamo mente locale :
· Per l’Alitalia ci hanno scaricato addosso tutti i debiti e hanno “regalato” la parte pregevole come scambio di favori ai “soliti noti”, senza contare il “prestito” di 300 milioni di euro che non si sa che fine farà .
· L’amministrazione comunale di Catania ha fatto più buchi nel bilancio di quanti ne possano esistere nei calzini di un barbone con il 1524351197.jpgmalgoverno, (se non fosse noto dipende dalle numerose assunzioni negli enti comunali legate al solito “voto di scambio ”autodepenalizzato” per l’esagerata diffusione del fenomeno), ed invece di costringerli a restituire il malutilizzato, o a vendere i gioielli di famiglia per rimpinguare le cassa, che ti fanno? Fanno sputare al bilancio dello stato, tramite il fondo statale per le aree svantaggiate (ridotto dal Dl 112/2008 da 64 a 57 miliardi di cui l'85% al Sud) la bellezza di 140 milioni di euro, cioè 280 miliardi di vecchie lire, cioè…bruscolini!.
Son io che ho la mente confusa o Catania è in Sicilia cioè in una regione a statuto speciale come l’Alto Adige?210385469.jpg· In più è nuovamente saltata fuori la riattivazione del progetto del ponte sullo stretto, perché quello si che è importante! “Entro la fine dell'anno – spiega Pietro Ciucci, presidente della Stretto di Messina Spa – puntiamo a rivedere insieme al Governo il piano finanziario. I costi dei lavori sono saliti molto dal 2003, da 4,1 miliardi ai 5,5 attuali, ma…” (dal Sole 24ore)
Un’opera importante destinata soprattutto a succhiare sangue dalle nostre tasche, mentre per andare da Catania a Palermo in treno si continua ad impiegare tanto tempo che si farebbe prima a piedi!
E Roma?…Roma è talmente complessa e talmente anomala che non so che dire se non, per esperienza diretta, che i servizi al cittadino sono caotici, complessi da ottenere, talmente dispersivi che spesso si rinuncia o si dribbla il problema.
Ed intanto per la scuola e per la sanità non ci son fondi!
1991899899.jpgLa scuola, quella che vive per il senso di responsabilità dei suoi lavoratori, che verranno premiati con decine di migliaia di “non mi servi più”. E senza ammortizzatori sociali settennali o biennali o annuali.
Sulla storia del maestro unico quante sciocchezze ho sentite! L’unico input per l’operazione è la necessità per risparmiare soldi di togliersi dai maroni un pò di maestri, cioè quella schiera di persone che sono per il 98% competenti ed aggiornate, capaci di “raggirare” le masturbazioni mentali delle circolari ministeriali per insegnare ancora a leggere, scrivere e far di conto ai bambini, anche a quelli che portano il grembiulino col fiocco che finisce sempre di sghimbescio. Allora premiamoli lasciandoli a casa! Chi legifera lavora, gli insegnanti infondo non fanno un amato ciazetadueo!…
Ho conosciuta una prima
classe del professionale, quelle classi della fascia dell’obbligo in un ordine di scuola a cui iscrivono solitamente i “al n’gà mja voja de stùdià!”,(non hanno voglia di studiare) che quindi hanno già di per se stessi delle difficoltà a relazionarsi con la scuola. 1597060958.jpgEra di 30 allievi con 2 con handicap dichiarato ( e 20 non dichiarato!) ed un docente di sostegno solo per qualche ora. Per far lezione ci volevano due “pelotas” come mongolfiere!
P
er dare i soldi a chi li ha già sprecati si tolgono alle scuole i docenti di sostegno e quelli “a disposizione”, (quelli che fanno le supplenze quando manca improvvisamente il docente) così se la classe risulta “scoperta” , devi pagare un docente fuori orario per fare supplenza, ma i soldi non ci sono. Allora.. Cavoli tuoi (della presidenza)! Se il branco di ragazzi si comporta secondo le regole dell’età e combina guai, nessuno ti assolve perché non avevi a disposizione qualcuno da mandare sulla classe. Allora decidi di dividere tra le altre classi il gruppo. E chi sta facendo lezione si ritrova con più allievi, che magari non conosce, seduti solo sulle sedie portate dalla propria classe, a far casino. Però si farà il ponte sullo stretto! Con i calcoli fatti da qualcuno che ha studiato all’estero, perché in Italia non sanno le tabelline!
Poi si blatera di premiare la qualità. E la si premia con la coccarda virtuale! Che sforzo!
Allora sarebbero da premiare tutti quelli che combattono la dispersione scolastica andando a raccattare gli allievi per strada, o chi si accolla i trenta brufolosi con i due handicappati e riesce a far loro imparare la matematica necessaria a far funzionare una macchina a controllo numerico, o chi si nasconde in un angolo per raccattare il 1968882535.jpgcuore di un ragazzino in crisi, o chi nonostante le malvessazioni del sistema continua a credere nel proprio mestiere, e non molla di lottare per il futuro di questa società che emana solo effluvi di arrivismo, servilismo, menzogna, prevaricazione, futilità, cercando ancora una volta di far crescere degli uomini.

Pubblicato il 3/10/2008 alle 18.11 nella rubrica attualità.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web